6 motivi per non diventare amiche dell’ex

da , il

    6 motivi per non diventare amiche dell’ex perché a dispetto di quanto si dice, ricucire un rapporto di pseudo-amicizia con l’uomo che con cui condividevamo il talamo non è il massimo. Va bene che c’è intesa perché ci si conosce, ma le controindicazioni superano di gran lunga i buoni motivi per averlo come amico. Non solo nel caso in cui lui, a tua insaputa, nutra ancora qualche sentimento, ma anche se l’amore è di fatto terminato per entrambi. Eccone 6 che dovrebbe convincerti a non farlo.

    Il coinvolgimento sentimentale di lui

    Non puoi saperlo e magari non lo sospetti minimamente, ma il rischio che lui provi ancora qualcosa non è da dare per scontato. E se così fosse, prima o poi, l’amicizia ne risulterebbe inevitabilmente compromessa.

    Il fantasma della gelosia

    Per quanto la gelosia sfumi dopo la separazione, capita che le nuove fiamme scatenino sensazioni spiacevoli, aventi a che fare con la competizione, piuttosto che con l’amore. Sta di fatto che accade!

    Le tentazioni

    Ci sei già andata a letto e quando si è già consumato, si sa, è più facile farsi indurre in tentazione, specialmente nei momenti di malinconia piuttosto che quando si alza il gomito.

    Scopri se è possibile restare amiche dell’ex

    Il rancore

    Un’amicizia, per funzionare, ha bisogno di fiducia reciproca, complicità, disinteresse, soprattutto sotto il profilo sentimentale. Ma tra ex spesso sussistono rancori e questioni irrisolte, che mettono a rischio il rapporto.

    Le critiche

    Visto che non ci stai più insieme ti senti in diritto di svelargli tutto ciò che, da amante, non avevi il coraggio di ammettere. Per esempio, che i suoi amici ti sono odiosi, ma questo genere di rivelazioni, in realtà, minano l’amicizia quanto il rapporto di coppia.

    Scopri come affrontare il ritorno dell’ex

    La scienza

    E ci si mette di mezzo anche la scienza, secondo la quale l’amicizia uomo-donna è praticamente impossibile. Colpa del linguaggio dei due sessi, che reciprocamente mal interpreta i segnali del sesso opposto. Insomma, un caos!