7 regole per fare bene l’amore

da , il

    7 regole per fare bene l’amore, tutt’altro che un vademecum su quali siano le migliori posizioni, piuttosto una mini-guida psicologica per lasciarsi andare. Perché ammettiamolo, sperimentare è piacevole solo per chi impara a fregarsene di pudori, imbarazzi, timori, senza ricorrere necessariamente a qualche bicchiere di troppo. Ma qual è il segreto per riuscirci? Ce ne sono parecchi riadattabili di volta in volta a seconda della personalità.

    Agisci senza pensare troppo

    Anziché rimuginare agisci. Se hai voglia di provare una posizione non pensarci troppo, proponila al tuo partner prendendo l’iniziativa. E se non dovesse apprezzare te lo farà capire, che problema c’è?!

    Sperimenta

    Premesso che devi prima imparare a lasciarti andare, rimuovendo i pensieri inutili o fuorvianti, sperimentare giochi e posizioni può essere utile per rendere l’atmosfera frizzante e coinvolgente.

    Prendi l’iniziativa

    Non aspettare che sia sempre lui ad agire, gli uomini adorano le donne che prendono l’iniziativa, persino quelli che ne sono un po’ intimoriti. E’ solo questione di abitudine.

    Scopri le migliori posizioni del kamasutra

    Ricorda che l’esperienza conta molto

    E’ bene ricordartelo ogni giorno se a frenarti è proprio la paura di non essere all’altezza della situazione. L’esperienza fa la differenza, c’è poco da dire!

    Asseconda i desideri del tuo partner

    Assecondare i suoi desideri è importante quanto il contrario. L’amore d’altronde è fatto di compromessi, che in alcuni casi possano riservare piacevoli sorprese.

    Sii te stessa

    A dispetto di tutti i consigli ciò che conta davvero è che tu sia te stessa, ma non credere che la frigidità ti appartenga davvero, è solo una maschera che indossi per paura di mostrarti autentica.

    Scopri le posizioni del kamasutra migliori per il sesso orale

    Non fingere

    Fingere equivale a farti del male e a mentire al tuo lui. Perché farlo? A quale scopo? Prima o poi la verità viene a galla, meglio andare dritte al sodo e se proprio serve, ricorri all’arma del silenzio.