Abbracci virtuali: per sentirsi vicini anche quando si è lontani

da , il

    Abbracci virtuali: per sentirsi vicini anche quando si è lontani

    Solo qualche settimana fa dal Giappone era arrivata la possibilità – grazie ad un’invenzione super tecnologica – di baciarsi ‘a distanza’ grazie a collegamento internet e una cannuccia. Adesso oltre ai baci, sono arrivati anche gli abbracci virtuali.

    A porre in essere gli abbracci virtuali ci penserà uno speciale gilet, ricco di sensori elettrici e un manichino, che regaleranno a chiunque l’emozione di un abbraccio pur essendo distanti dalla persona amata. L’invenzione è stata presentata al Virtual Reality Expo di Tokyo.

    A mettere a punto l’avveniristico dispositivo sono stati i ricercatori cinesi della Nayang Technological University, sfruttando la tecnologia Hug-Shirt dello scienziato giapponese Adrian Check. In pratica chiunque desideri inviare un abbraccio ad una persona che è lontana potrà praticare tale gesto sul manichino, che, dotato di questi particolari sensori, invierà tale impulso a una giacca realizzata in fili di rame riscaldati capaci di riprodurre la tipica percezione di calore generata da un reale abbraccio.

    In questo video di YouTube è possibile vedere come funziona:

    Per il momento si tratta semplicemente di un prototipo, pur essendo stati realizzati, diversi anni fa, prodotti simili che promettevano il medesimo effetto attraverso l’ausilio del Bluetooth del cellulare come filtro d’invio dell’impulso alla t-shirt sensibile, ma il mercato, ai tempi, non si dimostrò particolarmente entusiasta di fronte alla novità.

    E adesso? Nell’era del web 2.0 anche la percezione e il modo di vivere i sentimenti sembra essere cambiato, ma pensate davvero che qualche filo elettrico abilmente integrato con un gilet, un giubbotto o simili possano essere in grado di sostituire la stretta avvolgente di un abbraccio reale?

    Qualcuno, forse, alla fine opterà di investire 2500 dollari per testare gli abbracci virtuali, ma difficilmente potrà guadagnare tutto il carico emozionale di cui solo un gesto così intimo e personale come un abbraccio vero può essere foriero.