Al cuor non si comanda… Proverbi sull’amore

da , il

    Al cuor non si comanda… Proverbi sull’amore

    Spesso l’amore ha bisogno di definizioni per esser compreso, da ogni frase sull’amore che leggiamo possiamo capire una parte di questo strano, imprevedibile e studiatissimo sentimento. Ecco perchè dopo i film d’amore più belli ed alcune poesie indimenticabili come quella fantastica di Jaques Prévert, vi propongo una selezione dei più bei proverbi italiani che parlano d’amore. Tra i detti popolari nostrani ce ne sono alcuni davvero indimenticabili, qui vi ho messo solo quelli in lingua italiana, non in dialetto, se avessi messo anche quelli immaginerete che non avrei avuto abbastanza spazio. In ogni caso spero vi siano utili sia per capirvi meglio si per avere qualcosa da sparare in un momento di discussione con il vostro amato lui!

    Proverbi italiani sull’amore

    A chi s’ama si crede.

    Agli amanti e ai cacciatori per un piacer mille dolori.

    Al cuore non si comanda.

    Ama chi t’ama, e rispondi a chi ti chiama.

    Amante non sia chi coraggio non ha.

    Amare e non essere amato è tempo perso.

    Amami poco, ma continua.

    Amore senza baruffa fa la muffa.

    Amore e signoria non soffrono compagnia.

    Amori, dolori e denari non possono restare celati.

    Amore fa amore, e crudeltà fa tirannia.

    Amore male impiegato viene mal ricompensato.

    Amore non si compra né si vende, ma in premio d’amor, amor si rende.

    Amore non si trova al mercato.

    Amore nuovo va e viene, ma il vecchio si mantiene.

    Amore vecchio non fa ruggine.

    Amore onorato, né vergogna né peccato.

    Amore vuol fede, e fede vuol fermezza.

    Chi ama crede.

    Bacco, Tabacco e Venere, riducono l’uomo in cenere.

    Bacio di bocca, spesso cuore non tocca.

    Ben ama, chi non oblìa.

    Chi ama bene castiga bene.

    Chi ama, teme.

    Chi ha l’amore nel petto, ha lo sprone nei fianchi.

    Chi non ama, non ha cuore.

    Chi non fugge, strugge.

    Chi perde la roba perde molto, ma chi perde il cuore perde tutto.

    Chi soffre per amor, non sente pene.

    Chi vuol bene a madonna, vuol bene a messere.

    Chi vuol essere amato, conviene che ami.

    Con la moglie a lato, l’uomo è sempre beato.

    Cosa che punge, amor disgiunge.

    Crudeltà consuma amore.

    Delle pene d’amore, si tribola ma non si muore.

    Di buone armi è armato, chi da buona donna è amato.

    Dove ci sono donne innamorate è inutile tener porte serrate.

    Dove regna amore, non si conosce errore.

    Gelosia viene per impotenza, per opinione, o per esperienza.

    Il cuore è il primo che vive e l’ultimo che muore.

    I primi amori sono i migliori.

    La lontananza ogni gran piaga salda.

    L’amore davanti ha il miele, ma dietro si attacca il fiele.

    L’amore e la tosse non si possono nascondere.

    Lontano dagli occhi lontano dal cuore.

    L’uomo è fuoco e la donna è stoppa; arriva il diavolo e li accoppia.

    Nella guerra d’amore, vince chi fugge.

    Non vi è cosa nel mondo più peggiore in vecchie membra il pizzicore di amore

    Ogni disuguaglianza amore agguaglia.

    Ognuno tira l’acqua al suo mulino.

    Quando la fame entra dalla porta, l’amore esce dalla finestra.

    Quando se ne vanno gli amori, restano i dolori.

    Quanto più s’ama, meno si conosce.

    Scalda più amore che mille fuochi.

    Sdegno d’amante poco dura.

    Se tu vuoi che ti ami, fa’ che ti brami.

    Uomo e donna in stretto loco, secca paglia appresso al foco.