Amore claustrofobico: 7 segnali inconfondibili

Amore claustrofobico: 7 segnali inconfondibili
da in Amore, Consigli amore, Crisi di coppia
Ultimo aggiornamento: Lunedì 14/03/2016 10:55

    amore claustrofobico

    Amore claustrofobico, quali sono i 7 segnali inconfondibili delle relazioni che succhiano le energie? Accade spesso che l’amore si trasformi in una prigione sentimentale, specialmente laddove sussistono gelosia e possessività. E’ un circolo vizioso che si alimenta di giorno in giorno, esaurendo forza fisica e mentale. Vittima e carnefice, sempre che esistano ruoli così definiti, soffrono entrambi, prigionieri di se stessi.

    coppia che non esce

    L’amore claustrofobico non ammette uscite in compagnia percependole come un momento di distrazione inutile, che toglie tempo prezioso alla coppia, complice una gelosia ossessiva che uccide l’amore.

    chiamare di continuo

    Non due, tre, quattro volte al giorno ma anche 10 o più. Che possa succedere è ovvio, ma se è la prassi evidentemente qualcosa non torna.

    sensazione opprimente

    E’ una sensazione quasi impercettibile che, di tanto in tanto, fa capolino nella vostra quotidianità. Senza che vi sia riposta o un perché ben individuabile.

    coppia claustrofobica

    Più vi rinchiudete nel vostro piccolo mondo a due, più il buio sembra impossessarsi della vostra vita. Accanto al partner di rado vi sentite leggeri, luminosi, solari. L’atmosfera è cupa.

    coppia senza amici

    L’amore claustrofobico non ammette amicizie, men che meno del sesso opposto. Ma non serve arrivare a tanto, anche un cugino, un fratello o qualunque elemento di disturbo infastidisce. E allora si elimina!

    coppia infelice

    Che lo ammettiate o meno, l’infelicità nella vostra coppia regna sovrana. E’ probabile che uno dei due provi nostalgia per il passato o che cerchi scappatoie senza farne parola al partner.

    fine di un amore

    Pur sapendo che la separazione è il miglior modo per rinascere, chi vive un amore claustrofobico la teme più di ogni altra cosa, sentendosi addirittura mancare all’idea di un addio.

    628

    PIÙ POPOLARI