Amore impossibile: si giurano amore eterno ma lei muore poco dopo

da , il

    Amore impossibile: si giurano amore eterno ma lei muore poco dopo

    Nei film d’amore le difficoltà si superano quasi sempre e i protagonisti ci regalano un commovente lieto fine. La realtà a volte è molto meno clemente, eppure ancora più commovente. La storia di Sabrina Parker e Matt Scozzari, due adolescenti di Jacksonville nel North Carolina, è quella di un amore giovanile che non avrà la possibilità di crescere eppure ha molto da insegnare a tante coppie che stanno insieme da anni senza amarsi davvero. Lui ha solo 15 anni ed è innamorato di lei, solo di un anno più grande, paralizzata e impossibilitata a muoversi a causa della sclerosi laterale amiotrofica.

    Una sindrome degenerativa ereditaria, che le ha tolto la possibilità di vivere l’adolescenza come le sue coetanee e le aveva portato via la nonna e la mamma. Lei da bambina sembrava essere sfuggita a questa maledizione e invece a quindici anni i primi sintomi e, dopo tanti controlli medici, la diagnosi: meno di un anno da vivere. Ma la Sla non può allontanare l’amore: nella tremenda sfortuna Sabrina ha avuto una grande benedizione, quella di incontrare Matt. Un fidanzato speciale, capace di restarle vicino anche in questo momento buio. Come prova d’amore il ragazzo l’avrebbe chiesta in sposa ma la mamma di lui, data la triste e precaria situazione, ha proposto in alternativa una solenne cerimonia di fidanzamento. I due si sono giurati amore eterno: la Sla intanto aveva portato via la voce a Sabrina ma bastavano i suoi occhi a rispondere e a esprimere la sua gioia. La festa è stata celebrata il 20 Novembre: è stata chiamata la cerimonia dell’amicizia ma tutti noi sappiamo che è amore, molto più di quello che unisce tante coppie adulte. Una coppia di fedi irlandesi ha suggellato un amore troppo breve eppure eterno. Dopo pochi giorni Sabrina è peggiorata: a tenerle la mano tutta la notte è stato Matt. La mattina seguente è morta: lui l’ha baciata sulla fronte e le ha sussurrato in un orecchio: ‘Grazie per avermi salvato’. E queste storie forse salvano un po’ tutti noi….