Ansimare durante il rapporto: le donne lo fanno per compiacere il partner

da , il

    Ansimare durante il rapporto: le donne lo fanno per compiacere il partner

    Ansimare durante il rapporto per le donne non sempre costituisce una manifestazione verbale del raggiungimento del piacere. Secondo uno studio britannico se le donne si mettono ad ansimare durante il rapporto quasi sempre lo fanno per compiacere il partner o per manipolare il suo comportamento.

    I ricercatori della University of Central Lancashire (Uk) non hanno dubbi: ansimare durante il rapporto per le donne non corrisponde ad una risposta automatica del corpo al piacere, quanto piuttosto ad un comportamento messo in atto deliberatamente in modo da trarre un vantaggio col partner.

    Detto in altre parole, ansimare durante il rapporto per le donne non sarebbe affatto legato all’orgasmo, ma costituirebbe una strategia atta a compiacere il proprio compagno, farlo sentire sicuro delle sue abilità amatorie. Non solo, talvolta le donne si metterebbero ad ansimare durante il rapporto per indurre nel partner un certo comportamento, finalizzato al raggiungimento del proprio piacere.

    Gli studiosi sono pervenuti a questo risultato dopo avere analizzato le risposte di 71 donne con un’età media di 22 anni relative al proprio comportamento durante l’atto sessuale. La maggioranza di queste ha dichiarato di raggiungere l’orgasmo durante i preliminari, ma di ansimare durante il rapporto a prescindere dal piacere provato. Atteggiamento che secondo i ricercatori avrebbe un chiaro intento manipolatorio dell’uomo a proprio vantaggio.

    Un’altra ipotesi fatta dai ricercatori è quella che le donne lo facciano per creare soddisfazione nel proprio compagno, perché pensano che è questo che ci si aspetta da loro e che i gridolini e gli ansimi di piacere possano stimolare a loro volta il piacere del partner.

    Ad ogni modo, a prescindere dalle motivazioni che spingono una donna ad ansimare durante il rapporto è chiaro che i tempi in cui questo avviene e quelli dell’orgasmo sono separati da cui deduciamo che sia un comportamento deliberato e non una perdita o alterazione di coscienza mista a delirio come piacerebbe ai maschietti che nella maggioranza dei casi se ne attribuiscono addirittura il merito!