Auguri di San Valentino, cosa scrivere sul biglietto

da , il

    Auguri di San Valentino, cosa scrivere sul biglietto

    A volte basta un pensiero, non occorre stra fare, certo se ci scappa il regalo o il viaggio con evento, nessuno lo rifiuta, ma la frase giusta al omento giusto può davvero fare molto piacere, e soprattutto in tempo di crisi, un semplice biglietto di San Valentino costa solo il tempo di pensarci. Ma cosa scrivere? Capita a tutti, abbiamo scelto il biglietto siamo desiderosi di dimostrare amore e affetto, quando d’improvviso la nebbia si impossessa del nostro cervello e ogni comparsa ci sembra una vera e propria banalità. Forse riesco ad aiutarvi, o almeno a darvi l’ispirazione iniziale. Le classiche frasi intramontabili sono sempre molto amate, basta non scegliere le più gettonate, ovvero quelle in stile Bacio Perugina.

    Ciò che è noioso nell’amore è il fatto che è un delitto in cui non si può fare a meno d’un complice.’ Baudelaire

    L’amore ha orrore di tutto ciò che non sia se stesso.’ Balzac

    L’amore è vita e la vita ha qualcosa di immortale.’ Dickinson

    Se poi volete proprio stupire allora le poesie, non solo di Pablo Neruda anche se rimane in vetta alla classifica, assicurano un successo clamoroso:

    Ti amai

    Ti amai, anche se forse

    ancora non è spento del

    tutto l’amore.

    Ma se per te non è più tormento

    voglio che nulla ti addolori.

    Senza speranza, geloso,

    ti ho amata nel silenzio e soffrivo,

    teneramente ti ho amata come

    -Dio voglia- un altro possa amarti.

    A.Puskin

    Il modo tuo d’amare

    Il modo tuo d’amare è lasciare che io ti ami.

    Il sì con cui ti abbandoni è il silenzio.

    I tuoi baci sono offrirmi le labbra perchè io le baci.

    Mai parole o abbracci mi diranno che esistevi e mi hai amato: mai.

    Me lo dicono fogli bianchi, mappe, telefoni, presagi; tu, no.

    E sto abbracciato a te senza chiederti nulla,

    per timore che non sia vero che tu vivi e mi ami.

    E sto abbracciato a te senza guardare e senza toccarti.

    Non debba mai scoprire con domande, con carezze,

    quella solitudine immensa d’ amarti solo io.

    Pedro Salinas

    Torna

    Torna sovente e prendimi,

    palpito amato, allora torna e prendimi,

    che si ridesta viva la memoria

    del corpo, e antiche brame trascorrono nel sangue,

    allora che le labbra ricordano e le carni ,

    e nelle mani un senso tattile si riaccende.

    Torna sovente e prendimi,la notte,

    allora che le labbra ricordano, e le carni…

    Costantinos Kavafis

    Farò della mia anima uno scrigno

    Farò della mia anima uno scrigno

    per la tua anima,

    del mio cuore una dimora

    per la tua bellezza,

    del mio petto un sepolcro

    per le tue pene.

    Ti amerò come le praterie amano la primavera,

    e vivrò in te la vita di un fiore

    sotto i raggi del sole.

    Canterò il tuo nome come la valle

    canta l’eco delle campane;

    ascolterò il linguaggio della tua anima

    come la spiaggia ascolta

    la storia delle onde.

    Kahlil Gibran

    Sei la mia schiavitù

    Sei la mia schiavitù sei la mia libertà

    sei la mia carne che brucia

    come la nuda carne delle notti d’estate

    sei la mia patria

    tu, coi riflessi verdi dei tuoi occhi

    tu, alta e vittoriosa

    sei la mia nostalgia

    di saperti inaccessibile

    nel momento stesso

    in cui ti afferro.

    Nazim Hikmet

    Perchè ti amo

    Perche’ ti amo,

    di notte son venuto da te

    cosi’ impetuoso e titubante

    e tu non me potrai piu’ dimenticare

    l’ anima tua son venuto a rubare.

     Ora lei e’ mia – del tutto mi appartiene

    nel male e nel bene,

    dal mio impetuoso e ardito amare

    nessun angelo ti potra’ salvare.

    Herman Hesse