Bacio gay: cancellata foto da Facebook perché contro le regole

da , il

    Bacio gay: cancellata foto da Facebook perché contro le regole

    Quante foto postate su Facebook ritraggono fidanzati che si scambiano baci e tenere effusioni? Davvero tante, senza dubbio. Ma sappiate che si possono pubblicare solo foto che ritraggono baci fra eterosessuali, i baci fra omosessuali infatti – incredibile ma vero – sono vietati da regolamento.

    E’ proprio per questa ragione che il più popolare fra i social network ha cancellato un post contenente la foto di un bacio gay. E’ successo in Gran Bretagna a Richard Metzger, autore ed ospite televisivo, che si è visto cancellare un post sulla sua pagina Facebook perché mostrava la foto di due uomini che si baciano.

    La scorsa settimana Metzger aveva postato sul suo profilo la storia di un kiss-in, una manifestazione pro gay, in un pub inglese che aveva cacciato due omosessualisorpresi‘ a baciarsi. Peccato che anche il social network abbia ‘cacciato‘ a sua volta la foto, eliminando il post con una motivazione che ha fatto storcere il naso a più di una persona. ‘Viola le nostre regole‘ hanno fatto sapere semplicemente dallo staff di Facebook.

    Sulla mail che annunciava la cancellazione recapitata a Metzger e che lo stesso rende nota si legge infatti: ‘Ciao, uno dei contenuti che hai condiviso su Facebook è stato rimosso perché violava la Dichiarazione dei diritti e delle responsabilità di Facebook. Foto che contengono scene di nudo, o che siano sessualmente suggestive, non sono consentite su Facebook. Questo è un messaggio di avvertimento. Ulteriori violazioni potrebbero comportare la chiusura del tuo account. Si prega di leggere la Dichiarazione dei diritti e delle responsabilità di cura e di astenersi da messaggi abusivi in ​​futuro. Grazie in anticipo per la comprensione e l’aiuto. Il team di Facebook‘.

    Dopo l’introduzione del nuovo status per le coppie di fatto, non solo quelle che decidono di convivere e non sposarsi ma anche, almeno per il momento in Italia, a quelle omosessuali in seguito all’accodo con GLAAD (Gay and Lesbian Alliance Against Defamation), per contrastare i fenomeni di razzismo sessuale sul social network una cosa del genere non ce l’aspettavamo davvero!