Bordelli di poeti: quando il sesso lascia il posto alla poesia

da , il

    Bordelli di poeti: quando il sesso lascia il posto alla poesia

    Avete mai frequentato un bordello? Probabilmente no, visto che ai giorni d’oggi non ne esistono più (anche se ci sono realtà simili con nomi diversi…). Eppure pare stia crescendo una nuova specie, nuovi bordelli in cui anche il sesso, l’unica merce di scambio di questi luoghi, ha perso il suo posto per essere rimpiazzato dalla poesia. Oltre ai giochi erotici più bizzarri, oltre allo shibari, aldilà dell’orientamento sessuale, pare che l’ultimo baluardo di una sessualità sempre più estrema, sempre meno legata al sentimento e sempre più vicina al puro istinto animale, sia rappresentato dai bordelli dei poeti, la nuova alternativa, lo specchio di una nuova era.

    Dove si trovano?

    Al momento per poter godere di tale sottile piacere esistono due luoghi speciali situati in due centri nevralgici del nostro pianeta: al Poetry brothel di New York e al Postribulo poetico di Barcellona.

    Rinasce così dalle sue macerie, il luogo della perdizione per eccellenza, per vestirsi di un inconsueta purezza: un bordello sì ma poetico.

    Fumo di sigari, bicchieri d’assenzio (la bevanda prediletta dai poeti maledetti di fine ottocento), mobili di legno scuro e divani di velluto bordeaux e poi loro, le donne e gli uomini da scegliere per poter godere di un’emozione unica al limite tra il desiderio fisico e l’attrazione puramente mentale.

    La donna o l’uomo che sceglierete vi accompagnerà in una stanza molto accogliente e dal sapore antico per raccontarvi le sue poesie e condurvi sull’orlo del dirupo, per poi farvi sprofondare nell’oblio di un desiderio carnale misto ad un’intesa tutta intellettuale.

    Troverete donne cresciute per la strada, senza uno straccio di istruzione ma che sapranno straziarvi il cuore, incontrerete donne che si celeranno il volto dietro a splendide piume nere ma che vi offriranno tutta la loro anima recitandovi i versi delle loro poesie; troverete uomini vestiti con quattro stracci ma con occhi così verdi che vi perderete nel loro colore….e poi vedrete The Madame (la gestrice del luogo).

    Uomini e donne che metteranno a nudo la propria intimità più profonda raccontandovi i loro pensieri in forma di versi.

    Il Bordello poetico è un progetto firmato The Poetry society of New York. Un’occasione per giovani poeti, newyorkesi e internazionali, di avere un luogo per farsi conoscere da chi ancora è attratto del fascino infinito della poesia e da chi è soltanto curioso.

    L’ispirazione sono ovviamente i bordelli parigini di fine Ottocento, unici rifugi sicuri per artisti d’avanguardia dell’epoca.

    Come in un bordello dunque si sceglie con chi andare, si gode della prestazione che è una lettura personale e segreta di poesie e dopo aver goduto si paga. Perché è così che funziona. Da sempre.