Brucia auto per amore, muore per le ustioni riportate

da , il

    Brucia auto per amore, muore per le ustioni riportate

    E’ morto giovedì scorso al Cardarelli di Napoli – dove era ricoverato – il giovane barista romano (appena 23 anni), Alessandro Pieraccini, che sabato sera dopo aver confessato il tradimento alla fidanzata, per convincerla a non lasciarlo, come prova d’amore, aveva dato fuoco alla propria auto cospargendola di benzina.

    Alessandro, evidentemente, non si era reso conto che nel farlo si era inzuppato di liquido infiammabile così è stato completamente avvolto dalle fiamme. L’episodio è avvenuto nei pressi dell’abitazione del giovane a Roma, in un parcheggio condominiale in via Rodolfo Valentino nel quartiere Montesacro.

    Le condizioni di Alessandro sono apparse subito disperate poichè si era provocato ustioni di terzo e quarto grado sul 95% del corpo. In un primo momento era stato portato all’ospedale romano Sandro Pertini e poi, con una eliambulanza, trasferito al centro ustioni del Cardarelli di Napoli.

    La tragedia era scoppiata sabato sera, quando era scoppiata una violenta lite fra lui e la sua fidanzata proprio nel parcheggio condominiale, in seguito alla confessione di un tradimento di lui. La ragazza, appresa la notizia, aveva subito detto di non avere intenzione di perdonare il tradimento, ma anzi di volere troncare subito la relazione. A quel punto Alessandro aveva urlato che per dimostrare quanto tenesse ancora a lei era disposto a dare fuoco alla sua amatissima Golf. Così il giovane è si è recato vicino ad un distributore, ha riempito una tanica di benzina e quando è tornato ha gettato il contenuto sulla vettura, ma è praticamente diventato una torcia umana sotto gli occhi della fidanzata.

    Quanto è successo dovrebbe farci riflettere sul senso di certe prove d’amore, che talvolta – come in questo caso – si rivelano semplicemente distruttive e che rispettare la volontà della persona amata, anche quando ci fa soffrire, è l’unico gesto d’amore che abbiamo il potere di fare. Voi che ne pensate?