Calo del desiderio? Tutta colpa del lavoro

da , il

    Calo del desiderio? Tutta colpa del lavoro

    Il calo del desiderio nelle coppie, oggi, è molto diffuso. Molto più che nel passato, almeno. Uno studio dell’Istituto di tecnologia francese ha provato a capire il perché. Troppo lavoro uccide il desiderio è la spiegazione a cui si è approdati alla fine dell’indagine.

    Per il 66,6% dei francesi, infatti, lo stress lavorativo incide negativamente e si ripercuote sulla vita sessuale o amorosa. Lo studio dell’Istituto di tecnologia è stato condotto su oltre mille persone.

    Secondo quanto dichiarato dagli intervistati i problemi sessuali più comuni, come la mancanza di desiderio, la difficoltà a raggiungere l’orgasmo (soprattutto per le donne) e problemi di erezione o di eiaculazione precoce per gli uomini dipendono tutti o sono comunque correlati con un eccesso di lavoro e lo stress conseguente che ne deriva.

    Il 72,6% degli intervistati ha dichiarato che dopo una giornata di lavoro è troppo stanco e stressato per fare l’amore la sera, mentre per il 52% di loro avrebbe voglia di fare l’amore di mattina, ma non può perché deve alzarsi presto e teme di arrivare in ritardo. Inoltre, all’80% degli intervistati capita spesso di portare il lavoro a casa, il che rappresenta un altro duro colpo per la vita sessuale di coppia.

    Cosa fare per porre un argine a questa situazione? La risposta è molto semplice, si dovrebbe cercare di lavorare di meno o quanto meno cercare di non lasciarsi sopraffare dai propri impegni lavorativi al punto da non concedere spazio all’intimità di coppia. Ma questo non sempre è possibile. ‘I datori di lavoro dimenticano che le persone hanno una vita sessuale – dice a questo proposito la sessuologa Catherine Solano - Oggi il lavoro passa sempre davanti alla vita personale e tutti pensano che sia normale‘.