Come difendersi dagli amori che succhiano le energie

da , il

    Come difendersi dagli amori che succhiano le energie

    Come difendersi dagli amori che succhiano le energie? Se la vostra storia d’amore vi provoca continuo malessere, spossatezza e ansia, probabilmente siete alle prese con un vampiro emotivo. Niente paura, non succhia il sangue, ma le energie… attenzione, le riserve potrebbero esaurirsi! Ecco di seguito come riconoscerli e come difendersi

    Le 5 tipologie di vampiri emotivi

    Esistono 5 principali tipologie di vampiri emotivi: il narcisista, il controllore, la vittima, il logorroico e l’attore drammatico. Il narcista è un tipo particolarmente egocentrico, pieno di sé… almeno in apparenza! Non prova empatia per alcuno e tutto e tutti esistono in funzione del proprio ego, che va continuamente celebrato. In caso contrario il narcisista punisce con la vendetta. Il controllore vuole sempre tutto sotto controllo, non lascia libertà di movimento, sa sempre quel che è giusto e quel che è sbagliato, pensa di essere il solo ad avere diritto di parola e non considera minimamente le emozioni del partner, sino addirittura ad annullarle. Spesso soffre di gelosia patologica, che nei casi più estremi può dare adito a violenze fisiche e psicologiche. La vittima è il pessimista per eccellenza, tutto ruota intorno alla sua sofferenza e ai suoi problemi, che nessuno ovviamente riuscirà a risolvere. Pretende comprensione assoluta ma non la sa offrire, così annulla il benessere psichico del partner, che si trova invischiato nella sua negatività. Il logorroico parla sempre e solo di sé, senza tener conto di chi ha vicino. Sa sempre tutto ed è sempre il migliore, inonda il partner con fiumi di parole e non riconosce minimamente i segnali non verbali. Più che al dialogo punta al monologo! Infine l’attore drammatico è vittima della propria ansia, qualsiasi problema o contrarietà sembra irrisolvibile e a farne le spese è proprio il partner, che deve subire lamentele estenuanti.

    Come difendersi dai vampiri emotivi

    Una volta diagnosticato il tipo di vampiro emotivo al vostro fianco, è l’ora di imparare a difendersi. Ecco alcuni suggerimenti per neutralizzare la loro sete di energia…

    Per quanto riguarda il “narcisista”, l’importante è puntare sulla propria autonomia, evitando di dipendervi troppo emotivamente. Un filo di disincanto è un ottimo rimedio per sopravvivere!

    Nel caso in cui si abbia a che fare con un “controllore” è meglio non provare la strada dell’imposizione, sarebbe controproducente! Piuttosto sarà il caso di dargli ragione e di esprimere le proprie opinioni gradualmente, in modo tale che non le percepisca come ordini o attacchi personali. Per tenere a bada la gelosia del partner nella vita di coppia, è consigliabile rassicurarlo e non rivelargli mai tutti i propri segreti!

    Chi ha a che fare con una “vittima” dovrà porre limiti decisi, ma farlo con la dovuta delicatezza. In fondo questo vampiro emotivo è vittima di se stesso e deve gradualmente comprendere che nella vita c’è anche uno spiraglio di luce.

    Il “logorroico” va disinnescato interrompendo il suo monologo: ascoltatelo per un tempo limitato e poi defilatevi con una scusa o in alternativa fategli capire che non sopportate più i suoi interminabili discorsi.

    Per difendersi dall’ “attore drammatico” è fondamentale mantenere il controllo, sdrammatizzando ciò che a lui appare insormontabile. Bisogna aiutarlo a comprendere la vera portata degli eventi e dei problemi, rassicurandolo con dolcezza.