Confessare un tradimento? Il 48% degli italiani preferisce tacere

da , il

    Confessare un tradimento? Il 48% degli italiani preferisce tacere

    Concedersi una scappatella capita a tutti prima o poi, ma bisogna confessare il tradimento oppure tenerselo per sè? Il 48% degli italiani, secondo un sondaggio condotto dal portale IncontriExtraconiugali.com, pensa che l’infedeltà vada tenuta ben nascosta.

    Solo uno sparuto 13%, invece, sostiene la necessità di confessare il tradimento ove avvenuto, assumendosi tutte le conseguenze del caso.

    Dal nostro sondaggio emerge come buona parte degli infedeli non confessi mai la scappatella, decidendo comunque di portare avanti la relazione ufficiale – commenta lo staff di IncontriExtraconiugali.com – Questo sta a significare che non sempre l’infedeltà è sinonimo di crisi della coppia o di rottura di un rapporto consolidato‘.

    Ma perché il 48% decide di non confessare il tradimento? Alcuni temono di deludere il partner, altri non vogliono sentirsi giudicati da parenti e amici, in molti invece esiste la consapevolezza che il partner preferirebbe comunque non sapere. Esiste anche un sostanziale 67% di coloro che ritengono di avere subito lo stesso trattamento da parte del partner, vale a dire di essere stati traditi di nascosto, e che pertanto intendono ripagarlo con la stessa moneta.

    Secondo Alex Fantini, fondatore del portale IncontriExtraconiugali.com non sempre la fedeltà fa parte della normalità della coppia, essendoci invece molte coppie che fondano il proprio equilibrio sul tradimento non confessato. ‘Esistono relazioni in cui gli incontri extra coniugali fanno parte della storia. – dice, infatti, a tal proposito – I sentimenti non si possono giudicare. Nessuno può dire a priori che un rapporto che non consideri la monogamia come fattore imprescindibile si riveli fallimentare‘.