Conquistare una donna in discoteca…o anche no!

da , il

    Conquistare una donna in discoteca…o anche no!

    Nuove tecniche di approccio. Le ho scoperte, non senza restarne colpita, l’altra sera in discoteca. Non si rimorchia più come una volta sulla pista da ballo. Ma quando sono cambiate le cose? Ricordo, senza dover andare nemmeno troppo indietro nel tempo, che con i miei coetanei non era così. Vi spiego.

    La scena era tipo fortino del far west preso d’assalto dagli indiani: io e le mie amiche in centro e, attorno, un branco di maschi selvaggi ed allupati che a turno si proponevano e da cui bisognava difendersi! Noi che ballavamo per conto nostro e loro che si intromettevano a tutti i costi per farsi notare. Tenaci, tenacissimi non metabolizzavano i nostri rifiuti e andavano avanti umiliandosi! A nulla è servito dare le spalle o spezzargli il cuore: non c’è stato verso di farli smettere! Tra l’altro abbiamo rimorchiato dei ventenni noi che siamo all’incirca sui trenta! Molto lusinghiero e in un certo senso anche confortante sapere di fare presa ancora su di un’utenza giovane. Ma alcune domande me le devo fare. Le ventenni non si concedono? Mi hanno detto, ultimamente, che il mercato è inflazionato: nel senso che oramai la danno tutte. E allora? Vuoi vedere che in un momento di fortissima offerta, vince, parlando in termini economici, chi non la dà? Che per gli uomini è più stimolante un rifiuto? Infine, un consiglio per conquistare una donna a voi maschietti ventenni con gli ormoni in subbuglio: se proprio volete approcciarvi ad una trentenne fatelo con stile. Invece di stressarci con passi di danza di dubbia validità e strusciarvi addosso, offriteci da bere: fa molto più chic! Altrimenti cambiate macchina: non è possibile inserire il motore di un Ferrari in una vecchia Cinquecento, non camminerebbe! Risultato della serata: ragazze 1, ventenni in cerca di sesso 0.