Contraccezione naturale: i metodi più diffusi (spesso sbagliati)

da , il

    Contraccezione naturale: i metodi più diffusi (spesso sbagliati)

    A proposito di contraccezione naturale, quali sono i metodi più diffusi (spesso sbagliati)? Ne esistono diversi e se quelli supportati dalla tecnologia risultano efficaci a dispetto di quanto si creda, quelli naturali al 100%, vedi coito interrotto, sono alquanto pericolosi perché il rischio di gravidanza indesiderata è dietro l’angolo. Ma scopriamoli tutti da vicino tra pro e contro.

    Coito interrotto

    Partiamo da “lui”, il coito interrotto, che purtroppo continua a essere piuttosto diffuso come metodo anticoncezionale nonostante fior fiore di esperti sostenga da anni la sua pericolosità. Il punto è che può funzionare ma anche no. Perché se lui non riesce a fermarsi in tempo durante l’eiaculazione, può scapparci la gravidanza. Senza contare che durante il rapporto sessuale possono verificarsi delle piccole perdite di sperma.

    La temperatura basale

    Si dice che la sua efficacia sia buona ma il problema è che questo metodo naturale prevede una conoscenza del corpo accurata. Difatti bisogna prendere la temperatura basale, la quale aumenterebbe durante l’ovulazione, e verificare le variazioni di muco cervicale in modo da individuare le fasi a rischio gravidanza. Ciò significa che senza preparazione in materia, il metodo anticoncezionale è praticamente inutile.

    Metodo Ogino-Knaus

    Si tratta di un calcolo che permette di individuare i giorni fertili ma anche qui il problema è sempre lo stesso. Bisogna ricorrervi con precisione perché eventuali sviste o un approccio di massima sono potenzialmente rischiosi. Inoltre è necessario conoscere precisamente la durata del proprio ciclo, cosa possibile dopo aver osservato minimo 12 cicli in successione. E’ un metodo che non può essere applicato con il fai da te, è indispensabile essere seguiti da un ginecologo che possa guidarci con sicurezza per evitare errori di calcolo.

    Indicatori di fertilità

    Gli indicatori di fertilità sono degli strumenti tecnologici che permettono di individuare i giorni fertili grazie all’analisi della temperatura basale. La sicurezza di tali metodi contraccettivi è addirittura del 99,3% stando ai test clinici. Pari alla pillola ma con il vantaggio di non interferire sul benessere della donna. E’ sufficiente misurare la temperatura una volta al giorno posizionando lo strumento sotto la lingua o altrove, e immettere il dato mestruale.