Contraccezione nei giovani: il 45% delle ragazze non usa precauzioni

da , il

    Contraccezione nei giovani: il 45% delle ragazze non usa precauzioni

    La contraccezione nei giovani di oggi è praticamente un’utopia. La fascia di popolazione di età compresa tra i 20 e i 30 anni passerà alla storia come la generazione senza. La generazione dei senza un po’ in tutti i sensi, del resto i giovani d’oggi sono pienamente coscienti di essere destinati ad essere senza casa, senza lavoro e pure senza compagno/a, insomma senza certezze di alcun genere.

    Secondo un’indagine condotta da Gsk Eurisko, 45 ragazze su 100 non usano precauzioni e l’11% di queste ha avuto una gravidanza indesiderata.

    Dati decisamente allarmanti. A loro è stata dedicata la campagna d’informazione ‘Pillola senza Pillola‘ voluta da Msd Italia, consociata italiana di Merck & Co, che dopo alcuni appuntamento di prova, farà visita agli Atenei di tutta la penisola, a partire proprio dal mese di ottobre.

    Lo scopo della campagna è appunto quello di sensibilizzare i giovani all’utilizzo della contraccezione ormonale, per evitare che incorrano in situazioni di gravidanza indesiderata.

    L’intento è altresì quello di responsabilizzare una gioventù, quella di oggi, che sembra non comprendere minimamente i rischi a cui può andare incontro praticando una sessualità non protetta.

    A tal proposito, Rossella Nappi, professore associato della Clinica Ostetrica & Ginecologica dell’Università di Pavia, ha ha dichiarato:

    ‘I ragazzi italiani sanno veramente poco di contraccezione e questo è senza dubbio un ostacolo importante all’utilizzo di metodi efficaci’.

    Ha inoltre aggiunto:

    ‘Dietro al non utilizzo di contraccettivi ci sono fondamentalmente due motivazioni: la non conoscenza della contraccezione e la paura che le ragazze hanno nei confronti della contraccezione ormonale. Ma anche in questo caso entra in gioco la disinformazione’.