Convivenza: uomini e donne le attribuiscono significati diversi

da , il

    Convivenza: uomini e donne le attribuiscono significati diversi

    Uomini e donne attribuiscono un significato diverso al concetto di convivenza, vale a dire la decisione di andare a vivere sotto lo stesso tetto senza essere sposati. E’ quanto emerge da una ricerca dell’Università di Hastings (in California).

    Sia uomini che donne vedono nella convivenza un’ottima soluzione per risparmiare e trascorrere più tempo insieme, ma mentre per i maschi americani andare a convivere vuol dire soprattutto garantirsi rapporti sessuali sicuri, le donne, invece, vedono nella convivenza l’anticamera del matrimonio.

    Ne consegue che per le donne la convivenza è una scelta limitata nel tempo, una sorta di periodo di prova prima di convolare a nozze. Non così è per gli uomini, che invece la vivono come un’ottima soluzione proprio per evitare quel nodo scorsoio che è il matrimonio. Per evitare brutte sorprese e fraintendimenti di sorta, sarebbe forse il caso che la coppia esprimesse il proprio modo di vivere la convivenza prima ancora di compiere il grande passo.

    Eppure, nonostante i presupposti di partenza di uomini e donne in merito alla faccenda siano diversi, le convivenze, in tutto il mondo, sono in crescita. In Gran Bretagna le coppie che convivono rappresentano il 14% delle coppie, sono circa 4 milioni i cittadini che vivono insieme senza essere sposati, non a caso i matrimoni sono calati di un terzo negli ultimi 30 anni.

    In italia, il numero delle coppie che opta per andare a convivere è più basso, l’Istat segnala che solo il 5% delle coppie conviventi non sono sposate, ma anche da noi si registrano fermenti di cambiamento. Rispetto al 2001, infatti, c’è stato un incremento dell’1,4%.