Cosa non dire durante il rapporto

da , il

    Cosa non dire durante il rapporto

    A mio modesto parere tra le lezioni d’amore che spesso si sentono e leggono dovrebbero aggiungere cosa non dire mentre fai sesso. Non per cattiveria, questi sono momenti intimi dove ognuno fa quel che può, ma le prime volte sono a rischio se frasi poco adatte o, peggio, grugniti scimmieschi e suoni innaturali irrompono nel mezzo del rapporto. E che dire di nomi sconosciuti urlati a squarciagola e sbuffi ritmati come delle percussioni? Ora proviamo a creare il bon ton del sesso, per sopravvivere alla prima volta. La ragione cozza con l’orgasmo, sono d’accordo, ma se volete ripetere l’esperienza con la stessa persona è meglio evitare frasi inadatte, come incitamenti da rodeo, o peggio ancora paragoni, lo fai proprio come il mio ex, ma che siamo impazzite? Le parolacce o frasi sconce sono da usare solo su richiesta, non datevi al linguaggio scurrile per apparire perchè potreste uscirne sconfitti.

    Urlare si ma con moderazione, non sei a un concerto e se non conosci il luogo, magari l’appartamento di lui, potresti involontariamente creare non poche noie con i vicini poco disposti a partecipare all’amplesso. Quindi non strapparti le corde vocali, o almeno limitati al momento clou, non occorre sbraitare durante tutto il tempo del rapporto, sempre che non si consumi il tutto in cinque minuti.

    Nomi di ex o amici da eliminare dalla memoria, ma quante volte l’avete sentito raccontare, sul più bello lui, o lei, ha urlato il nome di un altra, orribile, piuttosto fatevi venire una amnesia momentanea ma evitate categoricamente di inciampare in una tale figuraccia, notti di passione e altri nomi sussurrati non possono coesistere.

    Grugniti, questo accade più spesso all’uomo, una parte del genere maschile si trasforma nel re delle scimmie e grugnisce per diversi minuti prima della liberazione, ora, è davvero un’usanza di cattivo gusto, sembra di stare a letto con un animale dalle forme sconosciute. Controllatevi, ve ne prego.