Erezione del mattino: da cosa dipende?

da , il

    Erezione del mattino: da cosa dipende?

    L’erezione del mattino, anche conosciuta con il nome di “morning glory” o NPT, è la quarta erezione notturna dell’uomo. Più o meno tutte la conosciamo ma probabilmente ignoriamo che gran parte dei maschietti, durante la notte, hanno dalle 3 alle 5 erezioni spontanee della durata di circa 20 minuti. L’erezione mattutina è l’ultima della serie. Ma da cosa dipende e quanto è diffusa? Dura per tutta la vita o ha una scadenza anagrafica? Ecco le teorie più interessanti e verosimili.

    La media delle erezioni notturne si aggira intorno alle 3-5 per notte e, come premesso, l’ultima in ordine di tempo è quella del mattino, di cui noi donne spesso ci lamentiamo. A quanto pare, gli studi in materia avrebbero dimostrato che le erezioni notturne avvengono durante la fase REM, mentre si sogna, sebbene vi siano altre teorie che sostengono una correlazione fra erezioni e testosterone. Quando questo ormone steroideo aumenta nel corso della nottata, prodotto dai testicoli a fasi alterne, hanno luogo le erezioni. In questo modo i corpi cavernosi del pene vengono irrrorati di sangue ossigenato evitandone il ristagno. Quindi nulla a che vedere con la presenza di una partner eccitante al proprio fianco, l’erezione va da sè.

    Succede a tutti? Più o meno sì ma dai 40-50 anni in su il livello di testosterone diminuisce e di conseguenza anche la frequenza delle erezioni spontanee. Ma gli uomini, sorge spontaneo chiedersi, se le ricordano? A volte sì, a volte no, a volte nì. Quando l’erezione, per esempio, è accompagnata da un sogno erotico è più facile che l’uomo se la ricordi. Ciò che se ne deduce è che la famosa erezione del mattino ha poco a che vedere con la volontà e lo stimolo esterno, ma dipende per l’appunto da fenomeni fisiologici di cui l’uomo è inconsapevole. Non cambia nulla ma è bene saperlo prima di decidere il da farsi al mattino. Purtroppo molte donne non gradiscono ma se è questione di natura, potremmo chiudere un occhio e lasciarci coinvolgere. Chissà che la giornata non ne risenta positivamente anche per noi!