Fare l’amore all’aperto: a Napoli diventa moda

da , il

    Fare l’amore all’aperto: a Napoli diventa moda

    Fare l’amore all’aperto piace a molti, ma a Napoli ultimamente sembra essere diventata una vera e propria moda tanto più che al fenomeno è stato dato persino un nome: ‘outdoor sex‘.

    A fare l’amore all’aperto e all’alba sono per lo più coppie giovani. Già l’anno scorso una coppia era stata sorpresa a fare sesso in pieno giorno sugli scogli di via Caracciolo. Un video aveva ripreso i due giovani amanti e aveva fatto registrare il picco di commenti su YouTube.

    Nell’ultimo periodo i casi si sono moltiplicati al punto da far dire a qualche autorità cittadina che quello di fare l’amore all’aperto – per quanto eccitante – può diventare un gioco pericoloso.

    In questi mesi – ha denunciato il commissario regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli – stanno arrivando diversi casi di segnalazioni dei cittadini napoletani che riscontrano alle prime ore del mattino rapporti sessuali esibizionisti per le strade e le piazze della città. Al di là del discutibile gusto di questi appuntamenti la nostra preoccupazione è anche per l’incolumità di queste persone che molto spesso hanno rapporti con persone che non conoscono‘. Ci sono chiari motivi per sospettare che gran parte di questi incontri avverrebbero anche tramite social network.

    Esiste addirittura una pagina di Facebook intitolata sesso a Napoli dedicata interamente a questa pratica - ha spiegato durante una trasmissione radiofonica, lo speaker Gianni Simioli che con il suo blog da tempo segue e analizza il fenomeno – Ovviamente ci sono aspetti goliardici e divertenti e questi appuntamenti sessuali sono tipici in tutte le grandi metropoli del mondo, ma la mia sensazione è che Napoli stia diventando sempre di più la città italiana più erotica e sessuale. Un luogo magico dove sperimentare anche nuove ed estreme esperienze sessuali‘. Il conduttore fa esplicito riferimento alle cosiddette pratiche sessuali inusuali in cui molte coppie sono state sorprese e che è possibile documentare anche con foto che poco lasciano all’immaginazione.