Fare l’amore? Capita più spesso il mercoledì

da , il

    Fare l’amore? Capita più spesso il mercoledì

    Quando capita più spesso di fare l’amore? Avrei giurato che vittime come siamo dello stress della vita moderna succedesse più frequentemente durante il week end, quando magari siamo più rilassati e liberi da impegni lavorativi. E invece no! E’ il mercoledì il giorno della settimana in cui è più probabile fare sesso.

    A sostenerlo è Christian Rudder di OkCupid, un sito di incontri in cui rispondendo a dei questionari creati dai webmaster o dagli stessi membri è possibile trovare l’affinità migliore attraverso una serie di statistiche. I membri possono mettersi in contatto tramite: blog personali, forum pubblici, messaggistica istantanea, email, e winks.

    Proprio il suddetto sito ha calcolato ‘l’indice di disponibilità sessuale‘ attraverso il monitoraggio dei clienti di New York, Boston e Washington in cerca di un appuntamento.

    Dai dati del profilo di queste persone sono state poi analizzate quattro tipi di caratteristiche personali che potrebbero essere correlate con la propensione ad avere nuove relazioni, anche relazioni mordi e fuggi o storie di una notte.

    Due di questi dati si riferiscono alla probabilità di fare sesso: qual è la percentuale di single che considerano la possibilità di fare sesso un elemento imprescindibile per la riuscita della serata e qual è la percentuale di utenti che si dichiarava disponibile a dormire con qualcuno al primo appuntamento.

    Gli altri dati andavano, invece, a misurare la percentuale di coloro che si sentivano avventurosi ed estroversi.

    Ebbene, dall’elaborazione di tutti questi dati è emerso un risultato abbastanza sorprendente. Sono i giorni feriali, e in particolare il mercoledì e non il fine settimana, quelli migliori per i single in cerca di compagnia. Ovviamente non c’è nessuna prova che i clienti che si sono fatti intervistare abbiano poi fatto quello che dicevano, ma in un’indagine parallela condotta dal New York Times i baristi sembrano avere confermato il dato.