Fare l’amore: quante volte? Con che frequenza?

da , il

    Fare l’amore: quante volte? Con che frequenza?

    Quante volte è normale fare l’amore? Come si fa a sapere se ci si incontra sotto le lenzuola troppo o troppo poco? Una volta al mese, settimanalmente, tutti i giorni o addirittura più volte al giorno. Del come e del dove se ne discute abbastanza, del quanto, molto meno.

    Con quale frequenza si hanno rapporti sessuali è una di quelle tematiche tabù di cui molte donne e molti più uomini. Quando tanta timidezza ci tappa la bocca, è già sintomo di qualcosa che non va. Sempre più coppie consolidate, anche di giovani, rinunciano a fare sesso con una certa regolarità. Il rapporto è poco cercato, la spontaneità ridotta all’osso, l’attrazione fisica cancellata da mille altre incombenze. Per non parlare della difficoltà di trovarsi un luogo tranquillo quando si abita ancora con i genitori o si condivide con altri un appartamento. Ma come si fa a sapere quante volte è normale fare l’amore? E soprattutto: quando si rischia di raggerlare il rapporto per le troppe poche coccole? La domanda è lecita, la risposta complessa. C’è chi si limita all’incontro mensile e pensa che vada bene così. Quel periodo di mezzo tra l’ultimo ciclo e quello in arrivo, per essere sicuri. Una frequenza del genere fa sì che pian piano si perda complicità e intimità, il rapporto sessuale diventa quasi un obbligo coniugale. O un modo per mettere a tacere il partner se c’è qualcosa che non va. O per tenerlo a bada quando in realtà le proprie grazie le si sta concedendo a qualcun altro… Il vostro uomo ha 20-30-40 anni e con voi vuole riscuotere solo una volta al mese come l’affitto? Facciamoci delle domande. Molti considerano il sesso una pratica da sbrigare una volta la settimana, per il quieto vivere. Meno sarebbe davvero poco. I peggiori sono quelli che ci si dedicano nel week end. Una volta o due la settimana in realtà va benissimo, è un’ottima media. Il problema è la calendarizzazione. Ridursi a fare sesso nel fine settimana o solo prima di una festa comandata perché la mattina seguente non si deve andare a lavorare, fa rabbrividire. Un rapporto (sessuale e umano) sano e appagante deve vivere di desiderio, di sorpresa, di momenti e di occasioni. Infine ci sono quelli che senza farlo almeno una volta al giorno non stanno bene. Quelli (e quelle) che raccontano di prestazioni mirabolanti, performance incredibili, durate da record. Ogni posizione del Kamasutra loro l’hanno provata, anzi, l’hanno inventata. Le donne di questa categoria si dicono sempre pronte. Gli uomini si vantano di saper portare all’orgasmo qualunque donna e di averne a decine ai loro piedi che li implorano di farle felici ancora e ancora. Diffidare sempre da chi esagera. Soprattutto da chi esagera a parole. Avete trovato un uomo che sa davvero soddisfarvi e che lo fa pure quotidianamente? Tenetelo stretto e non vantatevene troppo: là fuori è pieno di concorrenti pronte a soffiarvelo. Il sesso è una medicina. Non c’è una regola per capire con che frequenza fare l’amore. L’importante è che lui non sia uno da una volta al mese e lei una da una volta la settimana (o viceversa) perché alla lunga la differenza di visione del mondo stanca.