Farsi pagare il conto al primo appuntamento? Il 63% delle cougar dice no

da , il

    Farsi pagare il conto al primo appuntamento? Il 63% delle cougar dice no

    Farsi pagare il conto al primo appuntamento è un costume molto diffuso tra le appartenenti al gentil sesso, che considerano normale e quasi scontato che al ristorante paghi lui, ma non per tutte vale la stessa regola. Le cougar, ad esempio, donne mature con la passione per gli uomini più giovani, preferiscono provvedere da sé. A sostenerlo una ricerca del portale CougarItalia.com, specializzato in incontri passionali con donne mature.

    La cifra distintiva delle cougar, infatti, è proprio l’indipendenza che si manifesta non solo sul fronte affettivo, ma anche su quello economico. Secondo gli esperti del portale, infatti, il 63% delle donne che si ritengono cougar non amano farsi pagare il conto al primo appuntamento, dato che si riduce al 23% quando si tratta di donne che frequentano un coetaneo. Se le cougar non si mostrano rispettose della tradizione – secondo lo staff del portale – è perché possono godere di maggiore indipendenza e dello scarso o nullo peso attribuito dalle stesse alle convenzioni sociali arbitrarie e prive di fondamento.

    Le cougar, infatti, odiano gli stereotipi e i modi di fare convenzionali. Il 37% si dice disposta persino a essere lei stessa a offrire, ma solo occasionalmente e per compensare eventuali rapporti di squilibrio tra dare e avere, perché comunque una signora è sempre una signora e una cougar ci tiene a mantenere la propria femminilità evitando di mettere in difficoltà il proprio lui offrendo troppo frequentemente.

    Uscire con una cougar significa confrontarsi con una persona estremamente indipendente e responsabile – spiega lo staff di CougarItalia.com – in tempi di crisi oltre che economica anche di valori, questa maturità si traduce in un vero e proprio valore aggiunto ulteriore per chi, oltre a una donna di indiscutibile fascino e savoir faire, vuole frequentare una persona capace di lasciarsi alle spalle inutili preconcetti e anacronistici manierismi‘.