Festa della donna: cento anni fa come oggi!

da , il

    Festa della donna: cento anni fa come oggi!

    La festa della donna compie cento anni. Cento anni di lotte per affrancare i nostri diritti. Cento anni di battaglie per conquistare a pieno titolo la partecipazione alla vita sociale, politica ed economica. A cento anni di distanza l’8 marzo è diventata sempre di più un’occasione ‘istituzionalizzata’ per non dimenticare le nostre conquiste.

    La festa della donna nasce, infatti, nel 1911. La istituisce l’Internazionale socialista per onorare il movimento per i diritti delle donne e costruire un sostegno per realizzare il suffragio universale, ma allora non c’era ancora una data precisa.

    A scegliere simbolicamente l’8 marzo furono gli Stati Uniti perché la giornata dell’8 marzo di due anni prima fu ricchissima di eventi: a New York l’8 marzo del 1908, infatti, decine di migliaia di operaie protestarono in marcia al grido di ‘Pane e rose‘ per ottenere il diritto di voto e l’abolizione del lavoro minorile. Nel 1917, invece, in piena Prima Guerra mondiale, le donne in Russia sfilarono per chiedere la fine del conflitto: era l’8 marzo del calendario gregoriano.

    Fu grazie a questi eventi che la Giornata internazionale della donna iniziò a essere celebrata in molti Paesi del mondo, pur in mancanza di una indicazione ufficiale. Solo nel 1977, durante l’Anno internazionale della donna, le Nazioni Unite hanno iniziato a celebrare la ricorrenza l’8 marzo.

    E da noi? In Italia la ‘prima volta‘ della Festa delle donne risale all’8 marzo 1946, quando l’Udi-Unione donne italiane, scendeva in piazza per ottenere pace, lavoro, istruzione, parità salariale, servizi sociali, accesso a tutte le carriere. Vennero distribuiti migliaia di volantini, su cui era stampato il primo dei suoi simboli: la mimosa. Le donne dell’Udi hanno sempre diffuso ramoscelli di mimosa ricavando da questo gesto la principale fonte per il loro autofinanziamento. Col tempo, è diventato il fiore di tutte, colorando di giallo luoghi di lavoro, scuole, uffici e case.