Film a luci rosse ‘protetti’: Los Angeles impone l’uso del preservativo

da , il

    Film a luci rosse ‘protetti’: Los Angeles impone l’uso del preservativo

    Oggi è una giornata storica per Los Angeles: d’ora in poi i film a luci rosse saranno ‘d’origine protetta‘, ovvero tutti gli attori dovranno indossare il preservativo nei rapporti sessuali sul set cinematografico. Il sindaco Antonio Villaraigosa ha firmato una legge che passerà alla storia, è la prima volta infatti che un governo locale approva un simile divieto. La decisione perentoria del primo cittadino ha letteralmente lasciato di stucco tutti gli abitanti della città più grande della California, conosciuta proprio come la capitale della multimiliardaria industria del porno.

    Purtroppo, nonostante sia evidente il valore positivo apportato da questa legge, c’è chi si schiera contro, perchè ritiene sia un provvedimento che rischia di mettere in ginocchio il mondo dell’hard. Gli operatori del settore infatti, così come molte aziende dichiarano che spesso sono gli attori stessi che preferiscono svolgere le proprie performance senza protezione (….sarà poi vero?). Con le nuove normative assisteremo, a loro avviso, ad una vera e propria migrazione dei set cinematografici in altri luoghi, al di fuori dei confini cittadini.

    Dall’altro lato invece si ritengono estremamente soddisfatti i membri dell’Aids Healthcare Foundation di Los Angeles, che da anni porta avanti la battaglia in difesa della salute degli attori porno.

    Questa per loro è un’autentica vittoria.

    Del resto, negli ultimi anni le tensioni nel settore erano cresciute notevolmente, poiché molti attori protagonisti avevano scoperto di essere sieropositivi.

    Da qui era nata la raccolta firme per tentare di trovare una soluzione che arginasse il problema AIDS. La petizione chiedeva che sull’uso del preservativo da parte degli attori porno fossero i cittadini a scegliere.

    Dalla petizione all’approvazione della legge il passo è stato veloce.

    I legislatori temono tuttavia che, nonostante il divieto, si continuerà a perseverare e per non incorrere in sanzioni, le produzioni sposteranno i set cinematografici nelle 87 città della contea di Los Angeles.

    Rimane in ogni caso un passo importante: la prima vera legge che impone una sessualità protetta all’interno dei film a luci rosse.

    Chi sarà il prossimo a seguire il buon esempio?