Fototessera per parti intime, la prima cabina a Copenaghen

da , il

    Fototessera per parti intime, la prima cabina a Copenaghen

    In Italia abbiamo avuto Oliviero Toscani che per fare scalpore ha fotografato 12 vulve in primo piano facendo nascere centinaia di polemiche. In Danimarca invece è l’istituto Goethe della capitale insieme alla fondazione Kvinders Fond ad ideare una stravagante cabina per fare foto. Quale sarà il soggetto? La vagina ovviamente. E’ la prima cabina fotografica che fotografa in anonimato le parti intime femminili. Si chiama Kussomaten ed è nata dalla necessità di molte donne di confrontarsi per capire come sono ‘quelle delle altre’ e confrontarsi senza per forza guardarsi in faccia. Mi spiego meglio, dopo essersi fatte le foto, gli scatti dovranno essere caricati su un sito internet lì sarà possibile, per tutte le utenti confrontarle proprie parti intime con le altre caricate.

    Kussomaten vuole essere un’iniziativa leggera ma principalmente educativa, si vuol far capire che l’immagine della vagina non è legata solamente al porno o in ogni caso non può essere considerata un tabù, è possibile anche osservarla e confrontarsi.

    La cabina fotografica è stata inaugurata in occasione della festa della donna e uno degli aspetti che ha stimolato l’idea è stato il dibattito che negli ultimi tempi si sta affrontando sulla chirurgia estetica per l’apparato genitale.

    Beate Detlefs, consigliere d’amministrazione della fondazione ha detto: ‘Molte giovani ragazze hanno un timore, ovvero che la loro vagina non sia normale. Queste foto hanno l’obiettivo di rassicurarle, facendole vedere direttamente e in modo anonimo come sono fatte le altre donne. Ma penso che dopo una visita sul sito i loro timori scompariranno’.

    Cosa ne pensate, sareste curiose di confrontarvi con le altre?