Frasi d’amore napoletane divertenti

da , il

    Frasi d’amore napoletane divertenti

    Frasi d’amore napoletane divertenti: ogni tanto ci vuole un pizzico di dissacrante ironia anche in amore! I napoletani sono maestri di equilibrismo tra serio e faceto, riportando il sorriso anche sul viso più imbronciato! Se il vostro partner ha spesso il muso lungo, se volete farvi perdonare un torto, se intendete semplicemente regalargli un sorriso, niente di meglio che recitare una bella frase d’amore napoletana, cercando possibilmente di imitare anche la pronuncia! Niente paura se non ci riuscite, lo divertirete ancora di più e di tanto in tanto ci vuole!

    Dopo le frasi d’amore per conquistare uomini dal cuore duro, ecco alcune divertenti frasi napoletane destinate a fare breccia persino nel cuore dei musoni!

    Je voie sul a te

    Senza ‘e te niente cchiù fosse chello che r’è stò cu te

    Te cerco comm’a ll’aria te voglio pè campà

    ‘O ssaje comme fa ‘o core quann’ s’è annamurato?

    L’ammore è na ferita ca ‘o tiempo pò saná,ma te rummane ‘o segno tutt”a vita pe’ t”a fá ricurdá!

    Chi dice ca ll’ammore è nu veleno amaro o è nato senza core o nn’ha saputo amá.

    Ll’ammore è comm”o zzuccaro, ll’ammore è comm”o mmèle… s’ha da sapé ausá si te vuó’ cunzulá

    Nun ce sta ammore senza gelusia…però ‘sta gelusia fa male assaje…

    Strignímmoce, vasámmoce, ch”a giuventù va ‘e pressa… Scetámmoce, spassámmoce, ch”a giuventù ce lassa.

    E ‘a tant’anne, d”e llacreme chiagnute, n’è rummasa una…e nun s’asciutta cchiù…

    Accarézzame!… Sento ‘a fronte ca mme brucia, ma pecché nun mme dá pace stu desiderio ‘e te?

    Accarézzame cu sti mmane vellutate, faje scurdá tutt”e peccate, strígneme ‘mbracci’a te!

    Stu core ha ditto: “Va’ ca faje peccato! Torna addu chi t’amava e tu hê traduto!…” E i’, ‘nnammurato ‘e te, sóngo turnato pe’ t’asciuttá sti llacreme chiagnute.

    Tante ne voglio jettá suspire amare, quante ne stanno, ‘ncielo, stelle d’oro!

    E’ notte chiena e s’è addurmuto ‘o mare, ma io stó’ scetato e spásema stu core.

    Nu juorno mme faje campá, nu juorno ‘mpazzí… stu bbene mme fa danná, st’ammore murí!

    Vivo pe’ ‘sta passione ánema mia, tanta è ‘a gelusia ca tengo ‘e te e tremma stu core mio

    pecché ha’ paura ‘e te lassá.

    Ah, ll’ammore che fa fá! Ma ll’ammore è na bannèra, na bannèra ch’è liggera, cagna ‘o viento e ‘a fa vutá.

    Amaro è ‘o core, pecché nun sape chello ch”ha da fá: Si ha da tremmá pe’ te o si ha da fermá.

    Stu core ha ditto: “Va’ ca faje peccato! Torna addu chi t’amava e tu hê traduto! E i’, ‘nnammurato ‘e te, sóngo turnato pe’ t’asciuttá sti llacreme chiagnute.

    Ce sta nu ditto ca mme dá ragione: “Fa’ bene e scorda e si faje male penza…”. Pènzace buono sí…te voglio bene…Te voglio bene e tu mme faje murí.

    E tiene ‘a vocca ‘e cerasella fresca e mm”a sonno ogne notte e ce sperisco. Te voglio tantu bene e nun capisco pecché, accussí, te faje desiderá!

    Te voglio bene e tu mme faje murí!

    Chi voglio bene nun mme fa felice, forse sta ‘ncielo destinato e scritto. Ma i’ penzo ca nu ditto antico dice: “nun se cummanna a ‘o core”. E i’ mme stó’ zitto

    Avete voglia di sorridere ancora? Date un’occhiata alle dediche d’amore sgrammaticate più divertenti!