I piedi degli uomini ci raccontano chi sono

da , il

    I piedi degli uomini ci raccontano chi sono

    Avete appena iniziato a frequentare un ragazzo e già volete sapere tutto su di lui? Esiste una soluzione che fa al caso vostro: lo sapevate che i piedi degli uomini ci raccontano chi sono? Ebbene sì, pare che la loro struttura ci fornisca segnali di inequivocabile verità riguardo alla vita di quell’uomo che tanto vi piace ma cha ancora non avete capito fino in fondo. Quindi prima di abbandonarvi completamente tra le sue braccia e offrirgli in pasto il vostro corpo e la vostra anima, state bene attente ai suoi piedi!

    Scopriamo insieme cosa ci raccontano i piedi degli uomini…

    Aldilà degli scherzi, la questione possiede un fondo assoluto di verità ed è da ricondurre alla reflessologia plantare, disciplina orientale antichissima che si occupa dello studio dei piedi e della cura di tutto l’organismo attraverso la manipolazione del piede stesso.

    Ad esempio se il vostro compagno ha un dito mignolo che si muove con grande facilità, provvedete a riconsegnargli tutti i suoi vestiti e salutatelo affettuosamente dandogli un appuntamento per la prossima vita: si tratta sicuramente del classico uomo affetto da sindrome di Peter Pan!

    Noi donne ne abbiamo piene le scatole degli eterni bambini non siete d’accordo?

    Scopriamo cosa ci rivelano le altre dita.

    Alluce:

    Se l’alluce del vostro compagno è evidentemente più lungo delle altre dita sarà sicuramente un uomo intelligente e creativo….questo non significa che se invece è corto sia stupido! Potrebbe voler dire che è una persona molto organizzata, portata per il lavoro di squadra.

    Secondo dito:

    Se il secondo dito è più lungo degli altri può indicare una persona dotata di leadership talmente forte che potrebbe sfociare nel delirio di comando. Se invece è corto vuol dire che si tratta di un uomo sereno capace di vivere in armonia con gli altri senza sentire la necessità di dominare.

    Terzo dito:

    Questo dito simboleggia la quantità di energia e la capacità di successo di un uomo: chi ha il terzo dito lungo è perfezionista e solitamente ha una carriera solida; chi lo ha corto ama la vita vera, fatta di emozioni ed affetti.

    Quarto dito:

    Questo dito rivela l’importanza che un uomo dà alla famiglia e alle relazioni interpersonali: più è lungo, più è attaccato alla famiglia, quando è corto significa che dà importanza ad altri aspetti della vita….come il lavoro.

    Mignolo:

    Abbiamo già detto che se è mobile è un bambino mancato…se invece è fisso sarà fedele e leale.

    Quindi non ci sono dubbi, scegliete un uomo col mignolo fisso…meglio se ingessato!