I più bravi a letto in Europa sono gli Italiani

da , il

    I più bravi a letto in Europa sono gli Italiani

    Sapete chi si aggiudica la palma d’oro di più bravi a letto in Europa? Gli Italiani. E’ quanto emerge da un’indagine condotta da C-Date secondo cui 2 donne europee su 10 (pari dunque al 20% delle intervistate) considerano i maschi italiani i più bravi a letto.

    La medesima indagine, condotta sul versante femminile, aveva incoronato le donne italiane come regine dell’eros. Quindi ci portiamo a casa una bella doppietta, come dire oro sia maschile che femminile.

    La ricerca è stata condotta intervistando 5.670 europei di età compresa fra i 25 e i 60 anni su numerosi temi legati alla sfera erotica e alla domanda ‘Secondo lei chi ha più successo fra le lenzuola?‘ la risposta è stata sempre e inequivocabilmente la stessa, dalla Germania al Belgio, dall’Austria alla Norvegia: gli Italiani. Francesi e spagnoli sono a pari merito al secondo posto (12% delle preferenze), seguono svedesi e tedeschi, con il 7%; i norvegesi e gli olandesi (4%), gli austriaci (3%) e infine gli svizzeri e i belgi, che conquistano la maglia nera con solo il 2% delle preferenze.

    Secondo lo staff di C-Date tali risultati risentono ancora della fama del latin lover costruita intorno al maschio italiano a partire dagli anni sessanta e mai completamente tramontata. Questo almeno per quanto riguarda i maschi. Se le donne italiane, invece, si sono guadagnate lo stesso primato il merito è delle icone sexy che esportiamo all’estero da Monica Bellucci a Carla Bruni.

    Inoltre, il sondaggio mette in luce un aspetto abbastanza inedito del comportamento erotico degli italiani. A quanto pare col passare degli anni, gli uomini ricorrono sempre più di sovente all’immaginazione per arricchire le fantasie erotiche. Se tra i 18 e i 29 anni, nel 42,5% dei casi, i ragazzi hanno dichiarato di arricchire il proprio immaginario erotico con modelle e attrici hollywoodiane, o di ricorrere a video espliciti, dai 40 ai 50 l’erotismo, in almeno il 50% dei casi, si nutre di fantasie auto prodotte.