Il Papa: sì al preservativo, solo in alcuni casi

da , il

    Il Papa: sì al preservativo, solo in alcuni casi

    Papa Benedetto XVI si è pronunciato apertamente sull’utilizzo del preservativo, finalmente arrivano buone notizie, anche il leader della religione cattolica ha dichiarato che il profilattico può essere utilizzato, ma solo in alcuni casi. Per la religione cattolica, come sappiamo, i contraccettivi artificiali non sono assolutamente ammessi, l’intera fede religiosa si basa sulla procreazione e la limitazione del metter su vita fino a poco tempo fa era considerato un peccato. Oggi nel libro intervista del tedesco Peter Seewald il Papa si apre finalmente sull’utilizzo del preservativo.

    ‘In alcuni singoli casi il profilattico è giustificato – dice Benedetto XVIconcentrarsi solo sul profilattico vuol dire banalizzare la sessualità e che questa banalizzazione rappresenta proprio la pericolosa ragione per cui tante e tante persone nella sessualità non vedono più l’espressione del loro amore, ma soltanto una sorta di droga, che si somministrano da sé’.

    Si può essere d’accordo o no con il pensiero religioso, l’utilizzo del preservativo però non è utile sono come contraccettivo, ma anche come importante barriera per tutte le malattie sessualmente trasmissibili ed in ogni caso in alcuni paesi poveri, molto cattolici, la limitazione delle nascite aiuterebbe molto il benessere delle popolazioni e l’utilizzo del preservativo favorirebbe questo obbiettivo.

    Ratzinger parla principalmente di ‘lotta contro la banalizzazione della sessualità’ dicendo che essa ‘è parte del grande sforzo affinché la sessualità venga valutata positivamente e possa esercitare il suo effetto positivo sull’essere umano nella sua totalità’.

    Il Papa per spiegarsi fa l’esempio di una prostituta, dicendo che se la donna decidesse di utilizzare il preservativo, sarebbe giustificata, perché già la sua scelta ‘sarebbe un primo atto di responsabilità per sviluppare di nuovo la consapevolezza del fatto che non tutto è permesso e che non si può far tutto ciò che si vuole’.

    In ogni caso, aggiunge il Pontefice: ‘questo non è il modo vero e proprio per vincere l’infezione dell’Hiv. È veramente necessaria una umanizzazione della sessualità’.

    Dunque umanizzazione della sessualità, non il divieto dell’utilizzo del preservativo, se dovesse servire per l’inizio di un processo di purificazione … potrebbe andare!