Il seno rifatto rende le donne traditrici

da , il

    Il seno rifatto rende le donne traditrici

    Secondo uno studio condotto dal il prof Giulio Basoccu , docente di Chirurgia estetica presso l’università La Sapienza di Roma, l’intervento di mastoplastica additiva per aumentare una o più taglie di reggiseno presuppone nelle donne una volontà di apparire più giovane e appariscente recuperando la femminilità perduta. Per questo motivo è più facile che dopo la plastica al seno la donna tradisca il partner. A questi risultati ha condotto un test che ha coinvolto 300 pazienti, di età compresa tra i 25 e i 40 anni, che si sono rifatte il seno egli ultimi cinque anni.

    A distanza di sei mesi dall’intervento le donne devono infatti sottoporsi ad un controllo di routine: questa è stata l’occasione per fornire loro un questionario e le risposte hanno confermato le teorie del professor Basoccu. Per una donna rifarsi il seno non significa solo aggiungere volume, vuol dire in un certo senso cambiare vita e modo di essere. Il tradimento è una conferma della propria femminilità e aiuta le pazienti a sentirsi più donne. Nel questionario la maggior parte di loro ha ammesso di aver subito comprato abiti più scollati e di aver assunto un atteggiamento più disinibito verso il genere maschile. Il 35% ha ceduto alle avances di altri uomini per la prima volta, il 38% si è trattenuto dal tradimento fisico ma ammette di aver flirtato con alcuni pretendenti innescando giochi di seduzione. Solo il restante 27%, ammettendo che la percentuale comprenda tutte persone sincere, non ha tradito il partner. Anche il professor Basucco, commentando le linee guida ministeriali di vietare l’intervento al seno alle minorenni, conferma che l’età delle pazienti si è drasticamente abbassata negli ultimi anni. Il rischio nelle pazienti troppo giovani non è solo quello del non completo sviluppo della mammella ma anche la difficoltà psicologica nell’accettare un tale cambiamento fisico.