L’amore è cieco, lo conferma pure la scienza

da , il

    L’amore è cieco, lo conferma pure la scienza

    L’amore è cieco. No, non è solo un modo di dire o almeno non più. Che l’amore è cieco è anche un assunto scientifico. Parola dei ricercatori olandesi dell’Università di Groningen secondo cui il segreto di una relazione duratura sta proprio nel fatto che l’amore è cieco.

    Ma cosa vuol dire che l’amore è cieco? Che tendiamo a vedere il nostro partner più bello e attraente di quanto sia realmente. Un’illusione positiva che cementa la coppia e fa sì che l’attrazione duri nel tempo.

    Alla conclusione che l’amore è cieco i ricercatori olandesi sono pervenuti dopo avere analizzato 70 coppie eterosessuali che sono state suddivise prima in due gruppi, successivamente sono state scattate loro delle foto e, infine, sono state invitate a compilare un questionario.

    Le domande erano relative all’attribuzione di un punteggio al partner sulla base della sua capacità di attrarre, ma altre domande riguardavano se stessi, le proprie idee, fino a giungere ad interrogativi non pertinenti con le finalità della ricerca inseriti al solo scopo di confondere le idee.

    Gli appartenenti al primo gruppo hanno risposto dopo avere avuto in visione le foto scattate. Quelli del secondo gruppo hanno compilato subito il questionario senza aver prima visto le foto scattate. Questi ultimi, dopo aver compilato il questionario, sono stati invitati a visionare le foto scattate in precedenza che ritraevano se stessi e il partner. Osservando le foto, dovevano ora rispondere su come e quanto giudicavano attraenti se stessi e il proprio partner. Le valutazioni dovevano successivamente essere incrociate visionando le foto di altre coppie.

    Ebbene ciò che emerge chiaramente è che sia gli uomini che le donne tendono a valutare il proprio partner più attraente di quello degli altri. E questo avviene anche in seguito all’osservazione di una foto, che di per sé porta ad essere più analitici e critici nei confronti di eventuali difetti. Nonostante ciò -hanno rilevato gli scienziati – il rating positivo era solo leggermente inferiore a quello ottenuto sulla base dei ricordi.

    Detto in altre parole, l’amore è cieco anche quando ti mettono davanti ad una foto inequivocabile!