L’amore è tutta una questione di chimica? 5 motivi per crederci

da , il

    L’amore è tutta una questione di chimica? 5 motivi per crederci

    L’amore è tutta una questione di chimica? Innamorarsi è una sensazione apparentemente assurda: tutti l’abbiamo provata, alcuni anche più volte nella vita eppure resta difficile descriverla e soprattutto capire cosa esattamente succede nel nostro corpo e nella nostra psiche. Ovviamente nel momento in cui siamo colpiti dalla freccia di Cupido non abbiamo neanche tempo di chiederci quale sia la ragione scientifica di certe sensazioni: ci basta sapere che ci fanno sentire vivi. Ma l’amore è solo questione di attrazione e affinità? O piuttosto si tratta di una vera e propria tempesta ormonale? Insomma, questione di chimica? Ecco 5 motivi per crederci.

    Questione di serotonina

    Batticuore, farfalle nello stomaco, sudorazione eccessiva: questi sono i sintomi più comuni di chi è ‘malato d’amore’. In alcuni casi viene riscontrata anche perdita di appetito e sonnolenza .Eppure l’amore, al di fuori della visione romantica, è esattamente una questione di chimica: durante il primo stadio della conoscenza i livelli di serotonina sono simili ad un soggetto compulsivo ossessivo!

    Questione di ossitocina

    Con il passare del tempo le storie diventano più stabili e nel corpo viene rilasciata ossitocina, responsabile della passione d’amore e della sensazione di attaccamento al partner. Non a caso l’ossitocina è lo stesso agente chimico alla base del rapporto tra madre e figlio. Ma lo stesso ormone disinibisce la norepinefrina e la feniletamina e questo comporta un calo del desiderio e della passione nelle storie di lunga data.

    Questione di endorfina

    L’endorfina è invece alla base della sensazione di rilassamento e felicità, tipiche della fase di innamoramento.

    Questione di feniletilamina

    Ovvero la cosiddetta anfetamina dell’amore, un neurotrasmettitore che determina la produzione di dopamina, responsabile dell’euforia e della mancanza di appetito.

    Questione di noradrenalina

    La dopamina, a sua volta, determina la produzione della noradrenalina, ormone prodotto dalle ghiandole surrenali che a quanto pare avrebbe un ruolo attivo nel risveglio dell’appetito sessuale. Ma sarebbe altresì responsabile dei frequenti sbalzi di sudorazione, consuetudine da primo appuntamento.