Le donne amano gli uomini che le fanno ridere: ecco perchè

da , il

    Le donne amano gli uomini che le fanno ridere: ecco perchè

    Non è più soltanto una diceria, è un dato di fatto confermato da studi scientifici: le donne amano gli uomini che le fanno ridere. E’ quindi ufficiale che le donne adorino divertisti alle battute dei propri uomini e gli uomini rimangano divertiti nel vedere la propria compagna piena di ilarità. Attenzione però perché la condizione non è biunivoca, sono gli uomini che devono essere ironici e le donne devono saper cogliere…altrimenti il gioco della seduzione non funziona! Spieghiamoci meglio.

    Alcuni ricercatori canadesi del Dipartimento di Psicologia della Mc Master University, hanno elaborato una teoria a riguardo, in base ai risultati ottenuti da uno studio che ha coinvolto ben 150 volontari. E’ piuttosto chiaro che l’ironia agevola e fortifica la coppia solo in un senso: uomo ironico, donna ‘compiacente’. Lo studio evidenzia come le donne amino gli uomini che le fanno ridere, mentre gli uomini non sopportano proprio le donne spiritose ma prediligono quelle che si divertono ascoltando le battute maschili.

    La dott.ssa Donata Francescato, ordinaria di psicologia dell’Università la Sapienza di Roma, si è occupata dell’argomento e vi ha addirittura dedicato un libro edito da Mondadori, dal titolo ‘Ridere è una cosa seria’, da cui abbiamo estratto queste significative parole: ‘Effettivamente, nel mercato della risata di coppia gli uomini sono grandi produttori di comicità, talvolta intrisa di superiorità e dominanza, mentre le donne sono gran consumatrici di umorismo maschile, che alimentano con risate di approvazione. Comunque, si tratta di un gioco delle parti terapeutico per entrambi i partner, perché allevia le tensioni, crea complicità e induce a vedere le cose da altri punti di vista. Tanto che giuste dosi di umorismo contribuiscono a tenere unita una coppia nel tempo’.

    Volendo leggere tra le righe e partendo forse da un punto di vista velatamente di parte, si potrebbe intendere che anche in questo aspetto della relazione tra uomo e donna esista l’ennesima forma di dominanza maschile, insomma il tanto odiato maschilismo imperante torna nuovamente a galla….non vi pare?