Le più belle poesie d’amore di Kahlil Gibran

da , il

    Le più belle poesie d’amore di Kahlil Gibran

    In questo post desidero presentarvi le più belle poesie d’amore di Kahlil Gibran, poeta, pittore e filosofo libanese tra i più autentici interpreti del sentimento amoroso.

    Divenuto famoso principalmente per la raccolta di scritti riuniti nel volume ‘Il profeta‘, Kahlil Gibran considerò per tutta la sua intera esistenza l’amore ‘la sola libertà del mondo, perchè eleva lo spirito a tal punto che le leggi dell’umanità e i fenomeni della natura non ne alterano il corso‘.

    Ti amo terribilmente

    Ti amo terribilmente,

    se sbocciasse un fiore ogni volta che ti penso,

    ogni deserto ne sarebbe pieno…

    Potrei dimenticarmi di respirare ma non di pensare a te.

    Il grande amore non si può vedere ne toccare, si può sentire solo con il cuore.

    L’amore non da nulla se non se stesso, non coglie nulla se non da se stesso.

    L’amore non possiede ne è posseduto: l’amore basta all’amore.

    Segui l’amore

    Quando l’amore vi chiama,

    seguitelo, anche se le sue vie

    sono dure e scoscese.

    E quando le sue ali vi abbracciano,

    arrendetevi a lui.

    Quando vi parla, credete in lui,

    anche se la sua voce

    può cancellare i vostri sogni,

    come il vento scompiglia il giardino.

    Come covoni di grano, vi raccoglie in sé.

    Vi batte fino a farvi spogli.

    Vi setaccia per liberarvi dalla pula.

    Vi macina per farvi farina bianca.

    Vi impasta finché non siete docili alle mani;

    e vi consegna al fuoco sacro,

    perché siete pane consacrato

    alla mensa del Signore.

    La storia delle onde

    Farò della mia anima uno scrigno

    per la tua anima,

    del mio cuore una dimora

    per la tua bellezza,

    del mio petto un sepolcro

    per le tue pene.

    Ti amerò come le praterie amano la primavera,

    e vivrò in te la vita di un fiore

    sotto i raggi del sole.

    Canterò il tuo nome come la valle

    canta l’eco delle campane;

    ascolterò il linguaggio della tua anima

    come la spiaggia ascolta

    la storia delle onde.

    Voi siete nati insieme

    Voi siete nati insieme

    e insieme starete per sempre.

    Insieme quando le bianche ali del tempo

    sperderanno i vostri giorni.

    Insieme nella silenziosa memoria di Dio.

    Ma vi sia spazio nella vostra unità

    e tra voi danzino i venti dei cieli.

    Amatevi l’un con l’altra

    ma non fatene una prigione d’amore;

    piuttosto, vi sia un moto di mare

    tra le rive delle vostre anime.

    Riempitevi a vicenda le coppe,

    ma non bevete da una coppa sola.

    Datevi cibo a vicenda,

    ma non mangiate dello stesso pane.

    Cantate e danzate insieme

    e siate giocondi, ma ognuno di voi sia solo,

    come sole sono le corde del liuto,

    sebbene vibrino di una musica eguale.

    Datevi il cuore,

    ma l’uno non sia rifugio all’altro.

    Poiché soltanto la mano della vita

    può contenere i vostri cuori.

    Ergetevi insieme, ma non troppo vicini:

    poiché il tempio ha colonne distanti

    e la quercia e il cipresso non crescono

    l’uno all’ombra dell’altro.

    Su ragione e passione

    E ancora la sacerdotessa parlò e disse: Parlaci della Ragione e della Passione.

    E lui rispose dicendo:

    La vostra anima è sovente un campo di battaglia dove giudizio e ragione muovono guerra all’avidità e alla passione.

    Potessi io essere il pacificatore dell’anima vostra, che converte rivalità e discordia in unione e armonia.

    Ma come potrò, se non sarete voi stessi i pacificatori, anzi gli amanti di ogni vostro elemento?

    La ragione e la passione sono il timone e la vela di quel navigante che è l’anima vostra.

    Se il timone e la vela si spezzano, non potete far altro che, sbandati, andare alla deriva, o arrestarvi nel mezzo del mare.

    Poiché se la ragione domina da sola, è una forza che imprigiona, e la passione è una fiamma che, incustodita, brucia fino alla sua distruzione.

    Perciò la vostra anima innalzi la ragione fino alla passione più alta, affinché essa canti,

    E con la ragione diriga la passione, affinché questa viva in quotidiana resurrezione, e come la fenice sorga dalle proprie ceneri.

    Vorrei che avidità e giudizio fossero per voi come graditi ospiti nella vostra casa.

    Certo non onorereste più l’uno dell’altro, perché se hai maggiori attenzioni per uno perdi la fiducia di entrambi.

    Quando sui colli sedete alla fresca ombra dei pallidi pioppi, condividendo la pace e la serenità dei campi e dei prati lontani, allora vi sussurri il cuore: “Nella ragione riposa Dio”.

    E quando infuria la tempesta e il vento implacabile scuote la foresta, e lampi e tuoni proclamano la maestà del cielo, allora dite nel cuore con riverente trepidazione: “Nella passione agisce Dio”.

    E poiché siete un soffio nella sfera di Dio e una foglia nella sua foresta, voi pure riposerete nella ragione e agirete nella passione.