Le più belle poesie d’amore di Rainer Maria Rilke

da , il

    Le più belle poesie d’amore di Rainer Maria Rilke

    Desidero proporvi le più belle poesie d’amore di Rainer Maria Rilke, uno dei più importanti poeti di lingua tedesca del XX secolo nonché dei maggiori interpreti della spiritualità moderna.

    Rainer Maria Rilke vedeva nell’amore l’unica possibilità di restare eterni, tra le sue frasi più celebri, infatti, ricordiamo quella che così recitava: ‘Essere amati, è passare. Amare, è durare‘…

    Ai sospiri dell’amata

    la notte intera si innalza;

    una carezza leggera

    percorre il cielo stupito.

    E allora e’ come se nell’universo

    una forza elementare

    ridiventasse la madre

    di tutto l’amore smarrito.

    xxx

    Chiara è la campagna e buio il pergolato,

    tu parli piano e un miracolo è imminente.

    E la mia fede erige a sacra immagine

    ogni tua parola sul mio cammino quieto.

    Ti amo. Adagiata sulla sedia nel giardino,

    le tue mani dormono candide in grembo.

    Come spola d’argento riposa la mia vita in balìa

    delle tue dita. Lascia che il mio filo possa sciogliersi.

    xxx

    Un giorno esisterà la fanciulla e la donna,

    il cui nome non significherà più soltanto un contrapposto al maschile,

    ma qualcosa per sé,

    qualcosa per cui non si penserà a completamento e confine,

    ma solo a vita reale: l’umanità femminile.

    Questo progresso trasformerà l’esperienza dell’amore,

    che ora è piena d’errore,

    la muterà dal fondo,

    la riplasmerà in una relazione da essere umano a essere umano,

    non più da maschio a femmina.

    E questo più umano amore somiglierà a quello che noi faticosamente prepariamo,

    all’amore che in questo consiste,

    che due solitudini si custodiscano, delimitino e salutino a vicenda.

    xxx

    In grembo alla notte nevosa, d’argento,

    immensa si stende dormendo, ogni cosa.

    Solo una eterna sofferenza è desta

    dentro l’anima mia.

    E mi domandi perché mai si tace

    l’anima mia, senza versarsi in grembo

    alla notte che sogna?

    Colma di me, traboccherebbe tutta

    a spegnere le stelle.