Letteratura romantica, da quanti secoli scriviamo d’amore?

da , il

    Letteratura romantica, da quanti secoli scriviamo d’amore?

    Da sempre l’uomo ha sentito la necessità di parlare dell’amore, di scriverlo e di raccontarlo, tanto che, ad oggi, abbiamo un patrimonio letterario composto da numerose opere dedicate alle donne amate e scritte dagli esponenti più importanti della nostra cultura, tra cui Dante, Petrarca, Foscolo, Leopardi, D’annunzio. Amare quindi, oltre che un sentimento, è espressione di un’arte, così indissolubile da restare immutata nei secoli ed essere ancora utilizzata, seppur in contesti completamente diversi (ad esempio adesso si cercano in internet le poesie d’amore da dedicare al fidanzato).

    Nell’era dei messaggi, delle e-mail e di Facebook restano sempre vivi i miti immortali che hanno composto opere dedicate alle donne amate, e il solo fatto di saperne alcuni versi e citarli è oggi motivo di orgoglio. Adesso è molto più semplice dimostrare il proprio amore ad un’altra persona, c’è l’imbarazzo della scelta sul mezzo da utilizzare , non come una volta, quando ci si giocavano tutte le possibilità con una lettera romantica. La letteratura romantica è nata intorno all’amore per le donne, che grandi scrittori hanno deciso di immortalare per sempre: Dante, che ha dedicato alla sua Beatrice ‘La Vita Nuova’, Petrarca, con il suo ‘Canzoniere’ scritto per Laura, Leopardi che ha composto il ‘Ciclo di Aspasia’ in seguito alla traumatica delusione d’amore ricevuta da Fanny Targioni Tozzetti ed infine Gabriele D’Annunzio, che dedicò ad Eleonora Duse ‘La sera fiesolana’ e probabilmente anche la ’Pioggia nel pineto’ (sotto lo pseudonimo di Ermione sarebbe celata l’identità della famosa attrice). E non dimentichiamo le bellissime poesie d’amore di Nazim Hikmet, intense ed intrise di sentimento.

    Adesso pensateci un attimo: oltre al mare di sms con le varie espressioni d’amore puntate o scritte tutte attaccate per risparmiare spazio, non vi piacerebbe leggere qualcosa che abbia ancora il sapore dell’amore?