Marito tradisce in pausa pranzo, questa è l’ultima tendenza

da , il

    Marito tradisce in pausa pranzo, questa è l’ultima tendenza

    Un recente studio sui tradimenti ha evidenziato un aspetto interessante circa l’orario del crimine: più della metà dei mariti fedigrafi tradiscono la moglie durante la pausa pranzo, ovvero tra le 12,30 e le 14,30. Ecco allora spiegato perché a lavoro si mangia un panino veloce e il perché di tutte le proteste quando Brunetta propose di abolire la pausa pranzo. A parte gli scherzi: il dato sebbene bizzarro è vero e in parte comprensibile. Durante questa fascia oraria infatti le mogli sono impegnate e i controlli sono meno ferrati. Ma non solo: se si tradisce in pausa pranzo passeranno in media 4 o 5 ore prima di rincasare e rivedere la moglie.

    Il traditore quindi avrà tutto il tempo necessario per riprendersi, ritrovare il giusto distacco, rendersi presentabile e far svanire l’odore dell’amante sul corpo. Ovviamente le mogli più sospettose e attente scopriranno comunque dettagli e tracce ma in linea di massima avere tempo aiuta a nascondere le prove. Per alcuni inoltre la pausa pranzo è il momento ideale per tradire perché in questo modo si unisce il desiderio sessuale al piacere per il cibo: in realtà considerando che la maggior parte degli italiani mangia un panino o un pasto veloce alla mensa dell’ufficio penso che questa sia più che altro una scusa. O a qualcuno di voi a mensa servono ostriche, caviale e altre raffinate pietanze afrodisiache? Che fare allora se il vostro partner ha troppe colleghe donne o una segretaria giovane? Semplicemente non vi distraete troppo in pausa pranzo: fate una chiamata al vostro maritino dedito al lavoro e ogni tanto magari fategli un’improvvisata! In questo caso sono avvantaggiate le coppie che lavorano insieme!