Mutilazioni genitali femminili: è allarme in Italia

Mutilazioni genitali femminili: è allarme in Italia
da in Amore, Eros, Piacere
Ultimo aggiornamento:
    Mutilazioni genitali femminili: è allarme in Italia

    In Italia è scattato l’allarme per la crescita esponenziale dei casi di mutilazioni genitali femminili: nel nostro paese ogni anno sono 4mila le bambine che subiscono tali barbarie. Il dato ancora più raccapricciante è che l’Italia è lo stato occidentale con il più alto tasso di donne che subisce questa pratica brutale. E’ chiaro che stiamo parlando dei casi registrati, immaginate a quanto possano ammontare tutte le situazioni sommerse. In realtà nel nostro paese esiste una legge che vieta tale pratica ma purtroppo ci sono ancora molti medici e strutture private che praticano clandestinamente l’infibulazione. Solitamente viene praticata in centri di chirurgia estetica vaginale oppure negli studi dove si praticano piercing e tatuaggi.

    In cosa consiste l’infibulazione?

    In effetti sull’argomento esistono ancora poche informazioni corrette, cerchiamo quindi di chiarire come avvengono le mutilazioni genitali femminili.

    Esistono principalmente due tecniche differenti: la prima consiste nell’asportazione quasi totale del clitoride e parte delle grandi e piccole labbra mentre la seconda consiste nell’asportazione di grandi labbra, piccole labbra, clitoride e cucitura degli organi genitali femminili esterni, viene lasciata soltanto una piccola apertura sulla vagina che serve per espletare le funzioni fisiologiche, quali il mestruo e le urine.
    Questo genere di mutilazioni comporta gravi problemi fisici e psicologici alla donna che le subisce. Talvolta le complicazioni portano ad una morte prematura.
    I problemi sorgono inoltre quando la vittima inizia ad avere una vita sessuale attiva: quando la donna si sposa (non può ovviamente avere rapporti prematrimoniali) lo sposo scuce letteralmente la vulva ed ha rapporti sessuali con la moglie sino a quando rimane incinta. Dopo il parto la donna viene ricucita.

    Il tutto avviene in condizioni di estremo dolore fisico e psicologico, senza che la donna possa mai comprendere il significato del piacere sessuale.

    Certo è che si tratta di un barbarie che, nel nostro paese, subiscono le donne immigrate di culture e religioni differenti dalle nostra, ciò non significa che dobbiamo lavarcene le mani!

    In realtà si tratta di una battaglia per i diritti della donna in generale, in difesa della sua natura, sia essa araba, musulmana, indiana o marocchina.

    Sono più di 50.000 nel nostro Paese (e milioni nel mondo) le donne che subiscono tali atroci mutilazioni e che quindi non avranno mai diritto ad una vita sessuale.

    L’infibulazione è giunta in Italia nei lontani anni ‘80 e solo dal 2006 è stata istituita una legge che ne vieta la pratica ma purtroppo non è servita ad arginare il fenomeno.

    E’ necessario puntare l’attenzione su questo problema che ci attribuisce un primato di cui certamente non dobbiamo andare fieri.

    519

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AmoreErosPiacere
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI