Perversione sessuale o ricerca del piacere? Le origini del candualismo

da , il

    Perversione sessuale o ricerca del piacere? Le origini del candualismo

    Talvolta i giochi erotici possono spingersi molto oltre il confine di ciò che è considerato lecito ed etico, scivolando così nel girone delle perversioni sessuali. Ma chi stabilisce il punto di passaggio tra un mondo e l’altro? Ad esempio, se parliamo di candualismo, pratica sessuale dalle origini antichissime, che prevede la visione da parte del marito di un rapporto sessuale della propria moglie con un altro uomo, qual è la sua corretta collocazione? Scopriamo innanzitutto qual è il significato del termine candualismo e la storia delle sue origini.

    La nascita del candualismo si deve al Re di Lidia Canduale che, all’epoca dell’Antica Asia Minore, era così fiero della bellezza della sua donna, da desiderare di mostrarla interamente nuda ai suoi soldati. La giovane fanciulla si rifiutò in preda alla timidezza e ad un senso del pudore molto spiccato. Purtroppo a causa del suo diniego, peraltro del tutto comprensibile, venne barbaramente uccisa.

    E così, andando oltre al finale tragico della vicenda, dall’antichità sino ad arrivare ad oggi, il candualismo ha resistito ad ogni genere di accidente, trasformandosi in una pratica più moderna che non è nient’altro che un tradimento legalizzato.

    Pare che le principali motivazioni per cui le coppie moderne talvolta scelgano di mettere in pratica tale rituale sessuale, siano fondamentale due: esorcizzare la noia e tenere sempre viva la passione anche dopo molti anni di unione.

    Pare inoltre che sia le donne che gli uomini rimangano piacevolmente soddisfatti di questa esperienza sessuale, quantomeno insolita: le donne fanno sesso senza freni e gli uomini non sono nemmeno gelosi, anzi si sentono ulteriormente stuzzicati dalla situazione…un vero e proprio paradiso in terra!

    Se consideriamo la questione da questo punto di vista, sembra una pratica davvero niente male, ma voi sareste in grado di vincere il naturale pudore e compiere un gesto del genere innanzi a vostro marito?

    Riuscireste ad intenderla come pura ricerca del piacere e non come una perversione sessuale?