Poesie d’amore di grandi donne

Ecco le migliori poesie d'amore di grandi donne, opere che hanno lasciato il segno come le loro autrici, tutte innamorate dell'amore nelle sue innumerevoli declinazioni.

da , il

    Ecco una selezione di poesie d’amore di grandi donne, parole toccanti dal sapore romantico, tragico, struggente a seconda dell’inclinazione personale delle poetesse. Dalla famosa Alda Merini alla polacca Wislawa Szymborska, da Dacia Maraini a Sylvia Plath, ecco le poesie più belle delle grandi donne di oggi e di ieri.

    Ieri sera era amore (A Ettore) di Alda Merini

    Ieri sera era amore,

    io e te nella vita

    fuggitivi e fuggiaschi

    con un bacio e una bocca

    come in un quadro astratto:

    io e te innamorati

    stupendamente accanto.

    Io ti ho gemmato e l’ho detto:

    ma questa mia emozione

    si è spenta nelle parole

    Amore a prima vista di Wislawa Szymborska

    Sono entrambi convinti

    che un sentimento improvviso li unì.

    È bella una tale certezza

    ma l’incertezza è più bella.

    Non conoscendosi prima, credono

    che non sia mai successo nulla fra loro.

    Ma che ne pensano le strade, le scale, i corridoi

    dove da tempo potevano incrociarsi?

    Vorrei chiedere loro

    se non ricordano -

    una volta un faccia a faccia

    forse in una porta girevole?

    Uno “scusi” nella ressa?

    Un ‘ha sbagliato numerò nella cornetta?

    - ma conosco la risposta.

    No, non ricordano.

    Li stupirebbe molto sapere

    che già da parecchio

    il caso stava giocando con loro.

    Non ancora del tutto pronto

    a mutarsi per loro in destino,

    li avvicinava, li allontanava,

    gli tagliava la strada

    e soffocando un risolino

    si scansava con un salto.

    Vi furono segni, segnali,

    che importa se indecifrabili.

    Forse tre anni fa

    o il martedì scorso

    una fogliolina volò via

    da una spalla all’altra?

    Qualcosa fu perduto e qualcosa raccolto.

    Chissà, era forse la palla

    tra i cespugli dell’infanzia?

    Vi furono maniglie e campanelli

    in cui anzitempo

    un tocco si posava sopra un tocco.

    Valigie accostate nel deposito bagagli.

    Una notte, forse, lo stesso sogno,

    subito confuso al risveglio.

    Ogni inizio infatti

    è solo un seguito

    e il libro degli eventi

    è sempre aperto a metà.

    Lettera d’amore di Sylvia Plath

    Non è facile dire il cambiamento che operasti.

    Se adesso sono viva, allora ero morta

    anche se, come una pietra, non me ne curavo

    e me ne stavo dov’ero per abitudine.

    Tu non ti limitasti a spingermi un po’ col piede, no-

    e lasciare che rivolgessi il mio piccolo occhio nudo

    di nuovo verso il cielo, senza speranza, è ovvio,

    di comprendere l’azzurro, o le stelle.

    Non fu questo. Diciamo che ho dormito: un serpente

    mascherato da sasso nero tra i sassi neri

    nel bianco iato dell’inverno-

    come i miei vicini, senza trarre alcun piacere

    dai milioni di guance perfettamente cesellate

    che si posavano a ogni istante per sciogliere

    la mia guancia di basalto. Si mutavano in lacrime,

    angeli piangenti su nature spente,

    Ma non mi convincevano. Quelle lacrime gelavano.

    Ogni testa morta aveva una visiera di ghiaccio.

    E io continuavo a dormire come un dito ripiegato.

    La prima cosa che vidi fu l’aria, aria trasparente,

    e le gocce prigioniere che si levavano in rugiada

    limpide come spiriti. Tutt’intorno giacevano molte

    pietre stolide e inespressive,

    Io guardavo e non capivo.

    Con un brillio di scaglie di mica, mi svolsi

    per riversarmi fuori come un liquido

    tra le zampe d’uccello e gli steli delle piante

    Non m’ingannai. Ti riconobbi all’istante.

    Albero e pietra scintillavano, senz’ombra.

    La mia breve lunghezza diventò lucente come vetro.

    Cominciai a germogliare come un rametto di marzo:

    un braccio e una gamba, un braccio, una gamba.

    Da pietra a nuvola, e così salii in lato.

    Ora assomiglio a una specie di dio

    e fluttuo per l’aria nella mia veste d’anima

    pura come una lastra di ghiaccio. E’ un dono.

    … Al mio amante che torna da sua moglie di Anne Sexton

    Lei è tutta là.

    Per te con maestria fu fusa e fu colata,

    per te forgiata fin dalla tua infanzia,

    con le tue cento biglie predilette fu costrutta.

    Lei è sempre stata là, mio caro.

    Infatti è deliziosa.

    Fuochi d’artificio in un febbraio uggioso

    e concreta come pentola di ghisa.

    Diciamocelo, sono stata di passaggio.

    Un lusso.

    Una scialuppa rosso fuoco nella cala.

    Mi svolazzano i capelli dal finestrino.

    Son fumo, cozze fuori stagione.

    Lei è molto di più.

    Lei ti è dovuta,

    t’incrementa le crescite usuali e tropicali.

    Questo non è un esperimento.

    Lei è tutta armonia.

    S’occupa lei dei remi e degli scalmi del canotto,

    ha messo fiorellini sul davanzale a colazione,

    s’è seduta a tornire stoviglie a mezzogiorno,

    ha esposto tre bambini al plenilunio,

    tre puttini disegnati da Michelangelo,

    l’ha fatto a gambe spalancate

    nei mesi faticosi alla cappella.

    Se dai un’occhiata, i bambini sono lassù

    sospesi alla volta come delicati palloncini.

    Lei li ha anche portati a nanna dopo cena,

    e loro tutt’e tre a testa bassa,

    piccati sulle gambette, lamentosi e riluttanti,

    e la sua faccia avvampa neniando il loro

    poco sonno.

    Ti restituisco il cuore.

    Ti do libero accesso:

    al fusibile che in lei rabbiosamente pulsa,

    alla cagna che in lei tramesta nella sozzura,

    e alla sua ferita sepolta

    alla sepoltura viva della sua piccola ferita rossa

    al pallido bagliore tremolante sotto le costole,

    al marinaio sbronzo in aspettativa nel polso

    sinistro,

    alle sue ginocchia materne, alle calze,

    alla giarrettiera per il richiamo

    lo strano richiamo

    quando annaspi tra braccia e poppe

    e dai uno strattone al suo nastro arancione

    rispondendo al richiamo, lo strano richiamo.

    Lei è così nuda, è unica.

    È la somma di te e dei tuoi sogni.

    Montala come un monumento, gradino per gradino.

    lei è solida.

    Quanto a me, io sono un acquerello.

    Mi dissolvo.

    Vuoi leggerne altre? Ecco le più belle frasi di donne famose.