Posizione del missionario: guida e consigli per fare l’amore

da , il

    Posizione del missionario: guida e consigli per fare l’amore

    Tra le posizioni sessuali del kamasutra la posizione del missionario è probabilmente la più diffusa e la più praticata. In questa posizione la donna è distesa sulla schiena, a gambe allungate e aperte e l’uomo è su di lei a gambe unite e usa come punti d’appoggio le ginocchia ed i gomiti.

    Secondo alcuni la posizione del missionario si chiamerebbe così per via dei missionari cristiani che la utilizzavano quasi esclusivamente per fare l’amore. A differenza di quanto si possa immaginare fare l’amore utilizzando questa posizione non è sinonimo di vita sessuale povera o poco fantasiosa, ma può regalare intensi momenti di piacere a lui e a lei.

    Per raggiungere il massimo del piacere l’uomo dovrebbe tenersi abbastanza alto sulla donna in modo che il suo sesso prema sul Monte di Venere. In questa posizione la donna ha maggiore libertà di movimento e può aiutare l’uomo a far scivolare il pene nella nella vagina.

    Fare l’amore in questa posizione presenta alcuni vantaggi a partire dalla penetrazione che risulta abbastanza profonda e dal fatto che è possibile mantenere il contatto visivo per tutta la durata del rapporto sessuale.

    La donna ha la possibilità di posizionare le gambe in modo diverso (es. incrociate, alzate sulle spalle dell’uomo o incrociate dietro il suo collo) ottenendo effetti e sensazioni diverse a seconda della variante prescelta.

    Si può anche sistemare un cuscino sotto i fianchi della donna per agevolare la stimolazione del clitoride e mettere le mani tra i corpi in modo da aumentare la pressione sul clitoride. La soluzione può essere diversa per ogni coppia a seconda della costituzione fisica e dei gusti di ognuno.

    La posizione del missionario, però, presenta anche alcuni svantaggi: la donna ha meno libertà di movimento, il bacino è bloccato dal peso dell’uomo, i baci si limitano al volto, al collo e alle spalle, e le carezze dell’uomo sono possibili solamente se libera un braccio, facendo completamente peso sull’altro, cosa che in certi casi può risultare abbastanza scomoda.