Prima volta per lei: condiziona il modo di vivere la sessualità futura

da , il

    Prima volta per lei: condiziona il modo di vivere la sessualità futura

    La prima volta è una tappa evolutiva fondamentale nella vita di ogni individuo, soprattutto delle donne in quanto è proprio la prima volta che condizionerà il modo di vivere la sessualità in futuro.

    Lo hanno rilevato i ricercatori dell’Università di Ottawa, in Canada, attraverso uno studio volto a valutare gli effetti del primo rapporto sessuale sull’evoluzione della sessualità soggettiva.

    Lo studio ha preso in esame 475 giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni rilevando che la prima volta avviene mediamente intorno ai 17 anni sia per i maschi che per le femmine, con punte minime di 14 anni e massime di 20.

    Ebbene ciò che emerge è che l’età della prima volta influisce in maniera significativa sull’evoluzione della sessualità umana, non tanto per quella maschile, quanto per quella femminile. Pare, infatti, che la perdita troppo precoce della verginità, soprattutto per le ragazze, generi una condizione ansiogena, mentre un’esperienza sessuale eccessivamente tardiva finisce per provocare avversione nei confronti del sesso.

    La prima volta non produce quasi mai piacere nelle donne, secondo il report, infatti, solo il 6% riesce a raggiungere l’orgasmo, contro il 62% degli uomini. Dall’indagine emerge anche che il 60% degli intervistati, in particolare le ragazze, hanno affrontato la loro prima volta con il partner, mentre solo il 20% lo ha fatto con un compagno occasionale. Questo avviene perché, per le donne, la prima volta è importante e desiderano viverla con qualcuno verso cui provano sentimenti d’amore, mentre gli uomini quasi sempre antepongono il piacere fisico ai sentimenti.

    Nonostante l’approccio differente, se le ragazze perdono la loro verginità troppo presto tenderanno in futuro ad associare al sesso pensieri negativi, misti a pentimento e, nel caso in cui la prima volta sia stata particolarmente dolorosa, il corpo avrà maggiori possibilità di incappare in patologie insidiose, come il vaginismo e la dispareunia.

    Foto di Stylish Jo