Primo appuntamento, cose da uomini

da , il

    Primo appuntamento, cose da uomini

    Il primo appuntamento non si scorda mai, se poi l’uomo si comporta in modo strano, almeno secondo il parere femminile, allora è certo che sarà impossibile dimenticare quei pochi attimi. I comportamenti strani dell’uomo sono quelli che solitamente il giorno dopo vengono raccontati tra le lacrime, da risata, alla migliore amica, quelli che ci fanno storcere il naso, quelli che, salvo non siate totalmente cotte, fanno dire alla donna grazie ti chiamo io, tradotto: non mi sentirai mai più.

    Scommetto che tutte le donne hanno avuto almeno un primo appuntamento tragicomico, e viceversa il concetto vale anche per l’uomo, l’essere non compatibili si trasforma in una farsa grottesca e alzando gli occhi al cielo avete implorato pietà. Qualche esempio?

    L’uomo che fa il solletico: alcuni uomini credono che fare il solletico sia divertente, un approccio, un modo per poter toccare giocando, ebbene, è odioso. Altri hanno una passione ossessiva, esaltata probabilmente dall’agitazione, e l‘argomento di conversazione di tutta la serata diventa l’ultimo cellulare, l’ultimo videogioco, o la palestra, inutile ribadire che la fanciulla in questo caso desidera fuggire, il più veloce possibile.

    Altro punto a sfavore che capita spesso, nonostante si tenda per gentilezza a non farlo sapere, è concedere un primo appuntamento a chi ha un linguaggio esageratamente scurrile, alcuni complimenti, o presunti tali, fanno arrossire e non dal piacere.

    Guida pericolosa, quanti ragazzi esagerano al volante per far colpo? Corse frenetiche, sorpassi spericolati, frenate improvvise, ebbene non serve, non occorre farci vomitare per conquistarci. Le donne preferiscono conversare che aggrapparsi alla maniglia fino a farsi male alle mani.

    Infine, per favore, al primo appuntamento la galanteria, basta poco ma in quel poco è incluso il pagare il conto, pur ammettendo che una seconda occasione non la si nega a nessuno, la tirchieria non è mai apprezzata.