Rocco Siffredi: ‘Berlusconi mi ha superato!’. Guarda il video

da , il

    Ecco un’altra chicca sul caso Ruby, o forse sul caso Italia in crisi. Un video in cui il famoso attore porno Rocco Siffredi ha deciso di dire la sua sul nostro presidente del consiglio. ‘La dipendenza è tosta ragazzi, io lo so ci sono passato … - dice Siffredi - in Italia si parla molto di politica anche di sesso e politica, più di sesso che di politica’. Continua analizzando le azioni di Silvio Berlusconi e citando il fatto che spesso tutti i fan del porno hanno esultato dicendo ‘Rocco for President’. Niente contro l’attore ovviamente, grande lavoratore, ma un altro spunto che ci fa capire in che situazione siamo finiti.

    Chi non ha visto Rocco Siffredi in una delle sue mitiche prestazioni sessuali, e anche se non vi fosse capitato di vederlo di certo ne avrete sentito parlare, in America l’attore è anche conosciuto come The Italian Stallion grazie alla lunghezza del suo pene. Ha ricevuto numerosi premi per le sue strabilianti interpretazioni hot filmate, tra cui, nel 1991, un riconoscimento per la Miglior scena di sesso di gruppo, ma anche come miglior regista per il film Who fucked Rocco?, miglior regista di video per Ass Collector e diverse volte si è aggiudicato il premio di miglior interprete maschile dell’anno, sempre nell’ambito del porno.

    Nel video, che potete vedere qui sotto, Rocco Siffredi, appena tornato dagli Stati Uniti si ‘scandalizza’ per quello che sta succedendo in Italia e dice ‘Io tromb…ò la metà della metà della metà di quello che fa lui, però ragazzi lui mi ha superato, la perversione vera è quella di mettere due ministre, un paio di veline … tutto mischiato a delle vere escort – e continua – la dipendenza è tosta, droga, alcol sesso, ve lo dice qualcuno che ha vissuto … non ha avuto una moglie che lo ha capito … posso dare a Berlusconi qualche consiglio … ho molte cose che ci accomunano. Credo di poterlo aiutare … se qualcuno lo conosce e gli fa sapere che Rocco lo può aiutare ditegli di farmi una telefonata – e ovviamente conclude come sempre – Duri da morire ragazzi!’.

    Godetevi il video!