Sindrome PSAS: Ellie vive in uno stato di eccitazione permanente

Sindrome PSAS: Ellie vive in uno stato di eccitazione permanente
da in Amore, Eros, Fare l'amore
Ultimo aggiornamento:
    Sindrome PSAS: Ellie vive in uno stato di eccitazione permanente

    Avete mai sentito parlare della sindrome PSAS? Probabilmente no, questa sigla oscura racchiude in sé l’essenza di una patologia rara chiamata Sindrome da Eccitazione Sessuale Permanente, che comporta la presenza di uno stato eccitativo costante. E’ il caso di Ellie Allen, una ragazza di 28 anni inglese, che riesce a raggiungere addirittura 250 orgasmi al giorno a causa della PSAS. Qualcuno potrebbe ritenere che sia fortunatissima, altri invece, a ragion veduta, possono invece ben intendere quale sia il peso e l’impatto sulla vita sociale di una tale patologia.

    Dal canto suo Miss Ellie ha dichiarato: ‘Sono abituata ormai, il difficile è trovare un uomo che stia al mio passo!’.

    Il 20% circa degli orgasmi che prova sono completi e corredati da piccoli gemiti che la ragazza, per l’imbarazzo ed il decoro, tenta di soffocare.
    Ha aggiunto: ‘E’ difficile spiegare questa situazione alle persone con cui lavoro’.

    Ai giornalisti che le hanno chiesto quali siano le situazioni più imbarazzanti, Ellie ha rivelato: ‘In ascensore o sulle scale mobili’, ovvero tutte quelle situazioni in cui si trova vicino ad altre persone e un movimento esterno, magari ondulatorio, fanno crescere in lei lo stato eccitativo.

    Cosa succede realmente a chi soffre di PSAS?

    Fortunatamente la sindrome PSAS è rara, colpisce circa una donna su 500mila ed è generata da una disfunzione circolatoria che comporta un maggior afflusso di sangue a livello degli organi genitali.

    L’unica cura esistente prevede l’applicazione locale di anestetici per ridurre l’afflusso sanguigno, purtroppo però non sempre la cura si rivela efficace.

    328

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AmoreErosFare l'amore
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI