Siti per single: i lati oscuri rivelati da un’indagine di Altroconsumo

da , il

    Siti per single: i lati oscuri rivelati da un’indagine di Altroconsumo

    Quella di iscriversi ai siti per single sta diventando una moda sempre più diffusa, sia tra gli utenti cui è primariamente dedicato il servizio (i single appunto) sia, purtroppo, tra quelli fidanzati o sposati. Poi si lamentano che i social network causano la maggior parte dei divorzi o della fine della relazioni. I siti per incontri sono ormai basati sull’online dating, ovvero sul conoscersi via chat, comunicare sempre virtualmente e poi incontrarsi: la speranza è quella di trovare l’anima gemella o un partner che possa soddisfare le esigenze del momento..ma è davvero tutto così semplice? Altroconsumo, associazione che si occupa della difesa dei consumatori, ha portato avanti un’indagine su 12 siti di online dating e l’esito lascia più di una perplessità.

    Innanzitutto partiamo da una bugia formale che riguarda il costo del servizio: la maggior parte dei siti pubblicizza la possibilità di trovare l’anima gemella semplicemente registrandosi gratis e creando un profilo online. La verità è che, una volta effettuata l’iscrizione, si è costretti a pagare se ci si vuole mettere realmente in contatto con un altro utente. Parship.it si posiziona primo sul podio con un costo annuo di 298.80 euro. Meglio Zonaincontri, il più economico con ‘soli’ 48 euro per un biennio.

    Bisogna porre attenzione alle scritte in minuscolo, le sole che specificano con chiarezza i termini contrattuali: prendiamo ad esempio il caso di Meetic, che propone un’offerta mensile di 12,90, specificando però in caratteri minuscoli che bisogna sottoscrivere un minimo di 6 mesi..fatti due conti siamo a 77.4 euro.

    L’altro grande problema riguarda le identità: molti siti richiedono troppi pochi dati per poter assicurare una reale identità, soprattutto dal punto di vista del sesso. Insomma è possibile fingersi uomo o donna senza troppe difficoltà e quindi dare vita a falsi rapporti con scopi ingannevoli.

    Cercare l’amore in rete è tutt’altro che facile, sia per la natura intrinseca dei rapporti virtuali, sia per tutte le varie insidie nascoste dietro gli stessi fornitori del servizio.

    Fate quindi sempre attenzione e leggete ogni parte del contratto e ispezionate anche quella che all’apparenza vi sembra solo un’insignificante dicitura.