Studenti lanciano sito per incontri piccanti all’università

da , il

    Studenti lanciano sito per incontri piccanti all’università

    Si chiama UChicagoHookups.com ed è un sito internet nato con lo scopo di organizzare incontri sessuali occasionali tra gli studenti. L’idea finalizzata a rendere meno noiose le ore libere degli iscritti al campus

    viene da alcuni fra i più promettenti studenti della prestigiosa University of Chicago.

    Si tratta del secondo ateneo di Chicago ad essere finito nel mirino dopo lo scandalo che aveva riguardato la Northwestern University dove un professore di psicologia aveva tenuto una chiacchieratissima quanto discutibile lezione sull’orgasmo femminile con tanto di dimostrazione pratica.

    L’ateneo, paradossalmente è sempre stato noto per il suo ambiente austero e sobrio, tanto da essersi guadagnato negli anni l’appellativo di ‘luogo dove il divertimento muore’. E proprio parafrasando questo motto non ufficiale, gli ideatori di UChicagoHookups.com hanno coniato un nuovo slogan per l’ateneo trasformandolo in ‘luogo dove il divertimento prospera‘, che compare sulla homepage del sito web, assieme ad altre frasi spiritose come ‘La castità è curabile solo se è diagnosticata presto‘.

    L’iniziativa ha avuto immediati riscontri: in pochi giorni ben 200 studenti si sono iscritti e più di 1000 messaggi sono stati scambiati tra gli universitari.

    Nella stessa home page gli ideatori dell’iniziativa dichiarano che studiare duramente e divertirsi non sono due cose inconciliabili: ‘Stiamo cercando di cambiare uno stereotipo antico – recita il sito web – e che fa apparire gli studenti della University of Chicago come delle persone represse sessualmente‘.

    Secondo Jon Clindaniel, studente di archeologia originario di Palatine, città a pochi chilometri da Chicago, il sito ha un indiscutibile merito, quello di aver dato un po’ di vivacità a un’università che per troppo tempo è stata repressa: ‘Quest’iniziativa è un passo necessario per permettere agli studenti di sentirsi liberi di collegarsi e di sfruttare come vogliono il proprio tempo libero‘ ha sentenziato il giovane.