Terapia di coppia: le 5 confessioni più frequenti dei partner in crisi

da , il

    Terapia di coppia: le 5 confessioni più frequenti dei partner in crisi

    Tra i terapeuti vige il segreto professionale: quello che i clienti raccontano loro resta privato. Eppure, ovviamente senza nomi e riferimenti personali, qualche indiscrezione circola. Navigando nel web ho trovato ad esempio il racconto di una terapista di coppia americana che ha svelato quali sono le cinque confessioni che le coppie in crisi le fanno più frequentemente. Questi sono i problemi che ricorrono più spesso tra le coppie e che generano il maggior numero di litigi, a prescindere dall’età dei partner, dalla condizione economica, dalla professione etc. Insomma in tutte le coppie ci sono tensioni che ricorrono più di altre: vediamo i cinque motivi di maggior rancore tra i partner.

    1. ‘Ho dovuto fingere di essere qualcun altro perché ciò che sono realmente non avrebbe meritato amore’

    Molte persone insicure nascondo i loro veri pensieri e la loro indole reale a tutti.. anche e soprattutto al partner. Dietro questo atteggiamento c’è una forte debolezza e la voglia di farsi apprezzare dal marito o la moglie come una buona persona, anche a costo di nascondere lati più oscuri del proprio carattere. Alla lunga però questa finzione pesa e si sente il bisogno di gettare la maschera.

    2. ‘Il mio partner non capisce i miei sentimenti o non se ne preoccupa’

    Questo è uno dei paradossi dei tempi moderni: in un’era in cui migliaia di ‘amici’ sono disponibili a portata di click ci sentiamo soli e non compresi proprio dalla persona che ci sta più vicino. Il 60 % dei pazienti di terapisti di coppia lamenta questa poca considerazione dei propri sentimenti, specialmente se i partner stanno insieme da molto tempo.

    3. ‘Metto continuamente alla prova il partner’

    ‘Se lui non mi chiede niente stasera riguardo alla mia importante riunione d’ufficio di cui gli avevo parlato significa che non si preoccupa della mia soddisfazione personale’, ‘se non si accorge quando rientro che ho tagliato i capelli vuol dire che non gli piaccio più’, se, se, se…. Lui non ha ancora fatto niente ma noi già partiamo sfiduciate e quasi pensiamo anticipatamente a come vendicarci di una colpa che gli abbiamo attribuito prima del tempo. Questo continuo sottoporre il partner a test di fiducia, lealtà e amore non può che portare a fallimenti per entrambi.

    4. ‘Ho paura di rovinare tutto’

    Anche se il rapporto di coppia non presenta grossi problemi molte persone confessano di avere paura di commettere un errore che rovini catastroficamente tutto. Questo pensiero ricorrente nasconde una tendenza al vittimismo. Un rimedio può essere porsi modelli positivi, ad esempio coppie felici da anni e apprezzare i propri traguardi e successi quotidiani.

    5. ‘Amo il mio partner: perché allora sono ancora infelice?’

    Un errore che molte persone compiono è quello di affidare la propria felicità al partner: se lui ci fa sorprese e ci fa sentire amate stiamo bene ma se ci sentiamo depresse o infelici è colpa del nostro rapporto di coppia che non va. Ma dimentichiamo che noi siamo ‘qualcosa’ al di fuori della nostra vita di coppia e che è nostro onere costruire la nostra felicità piuttosto che sfogare le frustrazioni contro il partner.